Cerimonia 93esimo Anno Accademico, il discorso di Dipiazza: «Tornare a sentirsi orgogliosi del proprio paese per investire nel futuro»

L'augurio del sindaco Dipiazza durante la cerimonia inaugurale del 93esimo Anno Accademico dell'Università degli Studi di Trieste

 «Costruire un sistema universitario integrato regionale dove non si vanno a sprecare risorse per creare doppioni di facoltà tra atenei, ma piuttosto si ottimizzano i capitali per rafforzare gli accordi interateneo già esistenti, realizzando, magari, un network universitario regionale di altissima specializzazione e quindi attrattivo a livello nazionale ed internazionale».
Lo ha detto il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza intervenendo lunedì 5 dicembre all'apertura del 93° anno accademico dell'Università degli Studi di Trieste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Gli atenei –ha sottolineato il sindaco Dipiazza– devono assumere un nuovo fondamentale obiettivo accanto a quelli tradizionali dell’alta formazione e della ricerca scientifica che e’ rappresentato dal dialogo con la società. In questo contesto l’Universita’ non solo deve raccogliere i bisogni che emergono dalla società, ma deve essere capace di guardare a questi bisogni da un nuovo punto di osservazione, riuscendo cosi’, sia ad immaginare nuovi scenari, sia ad anticipare le tendenze piuttosto che inseguirle. Deve essere capace, quindi, di creare un rapporto diretto tra formazione e lavoro, con particolare attenzione alle nuove professioni». «Se queste sono le sfide del mondo accademico –ha concluso il sindaco Roberto Dipiazza– altrettanto importanti sono i compiti che deve assolvere la politica, affinché i nostri migliori talenti, formatisi nei nostri atenei spesso con grandi sacrifici personali e familiari, non siano costretti a fuggire altrove, ma possano trovare in questo paese possibilità di crescita professionale. I nostri ragazzi devono tornare a sentirsi orgogliosi del proprio Paese per poter investire qui il proprio futuro professionale e contribuire alla crescita e allo sviluppo del nostro modello democratico di società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

Torna su
TriestePrima è in caricamento