Cgil, Cisl e Uil pensionati: «FaP, risorse per famiglie bisognose e persone non autosufficienti»

A sollecitare i dati sono le segreterie regionali dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil, «per monitorare - spiegano i segretari regionali Ezio Medeot (Spi-Cgil), Renato Pizzolitto (Fnp-Cisl) e Magda Gruarin (Uilp-Uil) - gli effetti dei nuovi criteri Isee in vigore a livello nazionale

Qual è l’impatto che i nuovi criteri Isee hanno determinato sulla platea dei beneficiari del Fondo per l’autonomia possibile. E quale l’effetto atteso della riduzione del tetto massimo Isee, prevista dal nuovo regolamento Fap.

A sollecitare i dati sono le segreterie regionali dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil, «per monitorare – spieganoi segretari regionali Ezio Medeot (Spi-Cgil), Renato Pizzolitto (Fnp-Cisl) e Magda Gruarin (Uilp-Uil) – gli effetti dei nuovi criteri Isee in vigore a livello nazionale e del nuovo regolamento approvato dalla Giunta».

«L’auspicio – proseguono i tre segretari – è che le nuove regole sul Fap rispondano agli obiettivi dichiarati dalla Giunta e condivisi dal sindacato: consentire una gestione omogenea degli interventi su tutto il territorio regionale, garantire l’abbattimento dei tempi d’attesa negli ambiti in cui il problema si è presentato e, quel che più conta, concentrare le risorse previste dalle quattro modalità del Fondo (assegno per l’autonomia, contributo “badanti”, sostegno alla vita indipendente e interventi sulla salute mentale, ndr) verso le famiglie e le persone non autosufficienti più bisognose di assistenza e di sostegno. Tutto questo ribadendo l’importanza strategica del Fap come pilastro delle politiche di sostegno all’assistenza domiciliare». Da qui la richiesta di un confronto «dati alla mano e in tempi utili per definire eventuali interventi con l’approvazione della Finanziaria regionale 2016».

In ogni caso, per i sindacati, «non possono essere prese in considerazione ipotesi di tagli alla dotazione del fondo (37 milioni, ndr), che sarebbero in evidente contrasto con l’obiettivo dichiarato di ridurre le liste di attesa e di rafforzare il sostegno alle fasce più critiche di utenza». Piuttosto, concludono i sindacati, «va valutata la possibilità di introdurre misure tampone per garantire continuità assistenziale a quelle fasce di utenti già presi in carico e che dovessero risultare esclusi per la riduzione della soglia massima Isee».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piazza Sant'Antonio "musicale", da Londra arriva il progetto da sogno

  • Brutto incidente a Servola, quattro persone all'ospedale

  • Come coltivare in casa l'aloe vera, una pianta dai mille benefici

  • Auto divorata dalle fiamme in garage a Valmaura, una testimone: "Ci dormiva gente, lì sotto c'è anarchia"

  • Triestina-Cesena 4 a 1 | Le pagelle: poker servito, il Rocco: "Vi vogliamo così"

  • Gubbio-Triestina 2 a 0 | Le pagelle: brutta e senz'anima, Offredi affonda l'Unione

Torna su
TriestePrima è in caricamento