Chiude la Eaton di Monfalcone, Cisint: «Un dramma per 157 famiglie del territorio»

L'azienda dichiara di aver subito un importante calo di richieste di valvole a scoppio per i motori delle automobili. I lavoratori entrano in presidio permanente

Chiude lo stabilimento Eaton di Monfalcone e i lavoratori entrano in presidio permanente. Come rivela il Tgr Fvg, lo stabilimento dà lavoro a 157 persone (una trentina nell'indotto). Un annuncio spiazzante e inaspettato, giunto dopo il presidio sotto la sede goriziana di Confindustria organizzato dai sindacati contro il mancato rinnovo di 16 contratti a termine e dopo la decisione dell'azienda di imporre una settimana di ferie aggiuntive obbligatorie a gennaio.

L'azienda dichiara di aver subito un importante calo di richieste di valvole a scoppio per i motori delle automobili a causa della crisi nel settore, giustificazione non riconosciuta dai sindacati. Il sindaco Anna Cisint definisce la circostanza «un dramma per 157 famiglie del territorio. Nel pomeriggio abbiamo incontrato prima i rappresentanti dell'azienda e poi fatto visita ai lavoratori per esprinere vicinanza. Domani mattina alle 9 le rappresentanze sindacali.  Faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità - conclude - e anche di più per salvaguardare i posti di lavoro».


 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • la riprese è sempre più inarrestabile.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Madonna del Carmine, a Gretta la processione (foto)

  • Economia

    Lavoro, si assume di più

  • Politica

    Sicurezza: 2 milioni per telecamere e ordine pubblico

  • Cronaca

    Trieste Trasporti: modifiche ai persorsi di alcune linee

I più letti della settimana

  • Conficoni (PD): "La giunta rifinanzi le bici elettriche"

  • Camper in contromano sulla A4

  • Il "carcere dei cani" a Borgo San Sergio (VIDEO)

  • Allerta meteo: forti temporali in arrivo dalle prossime ore

  • Macchina travolge motociclista (foto)

  • Polidori: «Minnie e Topolino 'beccati' senza permesso»

Torna su
TriestePrima è in caricamento