Chiusura area a caldo, Scoccimarro incontra NoSmog: "L'avevamo promessa"

Si è tenuto ieri l'incontro con l'associazione "No Smog" dedicato alla prossima chiusura dell'area a caldo dello stabilimento siderurgico della Ferriera di Servola. "Un risultato storico"

Foto Aiello

Poche settimane alla chiusura dell'area a caldo. Un risultato storico, in linea con il programma di governo, conseguito anche grazie al lavoro della squadra di funzionari e dirigenti della direzione regionale competente. Questo il concetto espresso ieri, a Trieste, dall'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia a margine di un incontro con l'associazione "No Smog" dedicato alla prossima chiusura dell'area a caldo dello stabilimento siderurgico della Ferriera di Servola.

Come sottolineato dalla Regione, quello con l'associazione è sempre stato un rapporto improntato al rispetto e alla fiducia. L'incontro è servito anche per far visionare ai componenti del sodalizio "No Smog" tutti i documenti ufficiali di questi quasi due anni di percorso politico-amministrativo.

I passaggi fondamentali dell'iter, come spiegato dalla Regione, sono stati: il rispetto rigoroso delle norme, l'incontro con i vertici del Gruppo Arvedi a Cremona e lo scambio di lettere ufficiali in cui la stessa società conveniva, per la prima volta con l'Amministrazione, sulla possibilità di avviare una riconversione del sito dell'area a caldo. Nel corso della riunione, l'Amministrazione ha fornito ampie rassicurazioni sugli aspetti legati alla sicurezza: Regione e Prefettura hanno infatti costituito, per quanto di competenza, dei gruppi di lavoro relativamente all'Autorizzazione integrata ambientale e alla direttiva Seveso. Infine è stato ricordato che l'impegno della stessa Amministrazione regionale nei confronti dei cittadini, è quello di tenere prontamente informata la popolazione sulle procedure che verranno avviate nelle prossime settimane, a partire dallo stop all'altoforno.

Scoccimarro: "Abbiamo fatto quello che avevamo promesso"

"Sembra strano, ma abbiamo fatto quello che avevamo promesso e scritto nel programma elettorale per cui siamo vicini alla conclusione di un iter che mi ha visto protagonista il mio staff ed il sottoscritto dal primo giorno di mandato, poi finalizzato con lo scambio di lettere dell'agosto 2019 - ha dichiarato l'Assessore Scoccimarro -. Oggi invece nel garantire la parte ambientale Questo grazie anche all'ottima squadra di dirigenti e funzionari del mio assessorato e della direzione Difesa dell’Ambiente".

"Parliamo ormai di settimane e si giungerà alla fermata dell’area a caldo della Ferriera. Un risultato storico. Un incubo che finisce per i cittadini, rappresentati anche e soprattutto dall’associazione “No Smog” cui va dato anche il merito di essere stati sempre in prima linea - ha aggiunto -. Con loro c’è sempre stato un rapporto di reciproco rispetto e la loro fiducia è stata evidentemente ben riposta. Li ho ricevuti molto volentieri portando con me anche tutti i documenti ufficiali di questi quasi due anni di percorso politico-amministrativo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un punto fondamentale dell’incontro è stato quello in cui ho ribadito come alla chiusura si sia giunto in un percorso consiviso con la Regione, perché il piano della società era ben diverso, per non parlare dei futuri investimenti inizialmente previsti per Cremona, poi dirottati su Trieste per mantenere il livello occupazionale. Li ho infine rassicurati, anche in virtù dell’incontro riservato che ho avuto con il prefetto il giorno prima, sugli aspetti legati alla sicurezza: tutti gli enti preposti sono concentrati e sia io che il Prefetto abbiamo istituito dei gruppi di lavoro sulle reciproche competenze AIA e direttiva Seveso. Ci siamo dunque lasciati con la promessa di informare anticipatamente la cittadinanza sulle procedure che si susseguiranno nel corso delle prossime settimane, partendo ovviamente del T0 della fermata" ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • Coronavirus: anche a Trieste arrivano le mascherine, saranno distribuite da lunedì

  • Coronavirus: rallentano i contagi in FVG, oggi 44 in più

Torna su
TriestePrima è in caricamento