Ciclabile del Carso, Fiab: «A che punto siamo con il progetto da 2,9 milioni di euro?»

«Il progetto che prevede un itinerario di 35 chilometri da Draga Sant'Elia a Monfalcone ha ormai quasi dieci anni»

«Il progetto della Ciclabile del Carso che prevede un itinerario di 35 chilometri da Draga Sant'Elia a Monfalcone ha ormai quasi dieci anni». Così esordisce la Fiab Trieste in una nota, riassumendo la storia dell'ambizioso progetto in una recente nota: «L'ormai soppressa Provincia di Trieste nel 2009 ha avuto un finanziamento di 2 milioni e 900mila euro per realizzarla. Nel 2009 era stato fatto un progetto di massima ed una conferenza dei servizi. Poi tutto si era arenato. Nel 2015 in seguito alla raccolta di 1300 firme promossa da FIAB Trieste e consegnate agli allora assessori provinciali alle Infrastrutture Zollia e al Turismo Dolenc sembrava che il progetto si fosse sbloccato. Zollia e Dolenc si erano impegnati a "predisporre una gara pubblica contando di assegnare i lavori entro ottobre 2016, di arrivare alla consegna del primo stralcio entro autunno 2017 e del secondo stralcio a dicembre dello stesso anno". Ma nulla di tutto ciò è stato fatto tranne la realizzazione a fine 2015 del progetto esecutivo».

«Dal primo gennaio 2017 - continua Fiab - con la liquidazione della Provincia la competenza di questa opera è passata alla Regione. Per questo nel recente incontro tra l'Assessore regionale alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro e una delegazione del Coordinamento regionale della FIAB è stato chiesto un aggiornamento sull'iter del progetto. Il RUP (responsabile unico del progetto) Furlano ha riassunto la storia del lungo percorso progettuale della ciclabile e detto che prima di passare al bando per i due lotti della ciclabile (uno da Draga a Sistiana e l’altro da Sistiana al canale di Moschenizza) vi sono tre passi procedurali da superare: rifare delle documentazioni predisposte nel passato ma nel frattempo “scadute”, realizzare un piano particellare e in seguito fare degli accordi con i proprietari dei terreni attraversati dalla ciclabile o gli espropri».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nell'incontro - prosegue la nota - la FIAB ha chiesto all'assessore Santoro che per accorciare i tempi si parta contemporaneamente con tutti i due lotti nella realizzazione di questi passaggi e non in sequenza come attualmente ipotizzato. In definitiva la strada per pedalare sulla ciclabile del Carso è ancora lunga ma FIAB Trieste auspica che la Regione e i suoi tecnici possano nel minore tempo possibile concludere i necessari passaggi procedurali e il bando. Una ciclabile da Draga Sant'Elia a Monfalcone promuoverebbe stili di vita sani tra i triestini e sarebbe un’importantissima infrastruttura per il cicloturismo, un settore in forte espansione - conclude la Fiab - che potrebbe essere sempre di più un'opportunità di sviluppo economico sostenibile per Trieste e del Carso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

  • Firmato il decreto, la lista di cosa resta aperto e cosa chiude da lunedì

Torna su
TriestePrima è in caricamento