Cinghiale a Borgo San Sergio, la Provincia: «Sedato a distanza con la tele-anestesia»

La Polizia ambientale della Provincia è intervenuta con l’ausilio del veterinario Stefano Pesaro, in zona Borgo San Sergio dove in mattinata era stata segnalata la presenza di un cinghiale. L’animale, un maschio pesava circa 140 chili. Sul posto anche l'ENPA e i volontari protezione animali

In merito ai fatti di cronaca avvenuti questa mattina in via Curiel a Borgo San Sergio, la Provincia di Trieste ha reso noto che «la Polizia ambientale della Provincia di Trieste è intervenuta (questa mattina, ndr) con l’ausilio del veterinario Stefano Pesaro, in zona Borgo San Sergio dove in mattinata era stata segnalata la presenza di un cinghiale. L’animale, un maschio del peso di circa 140 chili, si aggirava tra le vie del rione costituendo un potenziale pericolo per i cittadini. L’esemplare è stato sedato a distanza attraverso la tele-anestesia, l’utilizzo cioè di un dardo narcotizzante, e quindi trasportato presso il Centro di recupero per la fauna selvatica della Provincia di Trieste».

Sul posto erano presenti anche i volontari della Protezione Animali ed il veterinario dell'ENPA. Il cinghiale, sedato da un veterinario chiamato dai Guadiacaccia, è stato poi ricoverato nel CRAS dell'Ente nazionale protezione animali.

La Provincia ha poi spiegato che «gli interventi compiuti dagli operatori provinciali sulla fauna selvatica sono oltre 400 dall’inizio dell’anno, di cui un’ottantina legati alla cattura di cinghiali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento