"Compasso d'oro", Menzione d'onore al nuovo allestimento del Museo della Risiera di San Sabba

Istituito nel 1954, il “Compasso d'Oro” è un ambito premio che viene assegnato dall'Associazione Disegno Industriale, con l'obiettivo di valorizzare la qualità del design italiano

Per il "Nuovo allestimento del Museo della Risiera di San Sabba", committente il Comune di Trieste, lo stesso Comune e i due progettisti (per l'allestimento l'architetto Corrado Pagliaro dello Studio Foti/Pagliaro; per la grafica Roberto Duse di Oblique studio) hanno conquistato la Menzione d'Onore nell'ambito del prestigioso XXV Compasso d'Oro dell'ADI, l'Associazione Disegno Industriale, la cui Cerimonia di Premiazione si è tenuta mercoledì, 20 giugno, al Castello Sforzesco di Milano.

A ritirare il riconoscimento sono intervenuti per il Comune la direttrice del Servizio Musei e Biblioteche Laura Carlini Fanfogna ed entrambi i progettisti, Corrado Pagliaro e Roberto Duse. Istituito nel 1954, il “Compasso d'Oro” è un ambito premio che viene assegnato dall'Associazione Disegno Industriale, con l'obiettivo di valorizzare la qualità del design italiano, sulla base di una preselezione effettuata dall'Osservatorio permanente del Design dell’ADI, costituito da una commissione di esperti, disegnatori, critici, storici, giornalisti specializzati, impegnati tutti con continuità nel raccogliere, anno dopo anno, informazioni e nel valutare e selezionare i migliori prodotti i quali vengono poi pubblicati negli annuari ADI Design Index.

I soli trecento progetti/prodotti premiati in oltre sessant’anni di vita del “Compasso”, insieme ai quasi duemila selezionati con la Menzione d’Onore, sono raccolti e custoditi nella “Collezione Compasso d'Oro ADI”, dichiarata il 22 aprile 2004 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali di “eccezionale interesse artistico e storico", la cui gestione è affidata alla Fondazione ADI che ne tutela, valorizza e promuove il patrimonio in Italia e all'estero. L’intervento premiato, inaugurato nel gennaio 2016, è stato curato dal Civico Museo della Risiera di San Sabba-Monumento nazionale, in collaborazione con le sezioni di Trieste dell'ANED – Associazione Nazionale Ex Deportati, dell'ANPI – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, con il CDEC – Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano, la Comunità Ebraica di Trieste, l'IRSML FVG – Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia, l'Istituto Tecnico Statale “Deledda – Fabiani” e la Narodna in študijska knjižnica / Biblioteca nazionale slovena e degli studi.

Il nuovo allestimento si snoda lungo il perimetro della sala seguendo i seguenti nodi tematici: La Risiera di San Sabba, Il Lager della Risiera, Gli spazi del lager, Antefatti e contesto storico, Il processo, Il monumento nazionale e il museo. Sono stati riorganizzati gli spazi ed è stata creata una nuova mostra storica multimediale costituita da testi, oggetti, documenti, opere d’arte e contenuti multimediali, oltre a un un plastico del comprensorio della Risiera realizzato dagli studenti dell’Istituto “Max Fabiani” che la raffigura nel momento della sua massima estensione topografica. Al centro della sala uno spazio è dedicato inoltre alla visione di filmati, presentazioni e conferenze. Postazioni multimediali accolgono le biografie di alcuni uomini e donne che passarono in Risiera tra il 1943 e il 1945.

L’intervento di riallestimento e riqualificazione è stato possibile anche grazie a un finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ad altri contributi delle Fondazioni Casali–Fondazione benefica Kathleen Foreman Casali Trieste, nonché alle piccole somme lasciate ogni giorno dai visitatori della Risiera.

Il progetto scientifico era di Francesco Fait per la direzione della dott.ssa Maria Masau Dan, sostenuto da un comitato scientifico composto da Tullia Catalan, Franco Cecotti, Francesco Fait, Martina Humar, Maria Masau Dan, Tristano Matta, Dunja Nanut, Cristina Roggi, Michele Sarfatti, Anna Maria Vinci. I testi sono stati redatti da Giorgio Liuzzi e tradotti in lingua slovena e in inglese da Ingrid Cotic; il progetto di allestimento, come detto, di Corrado Pagliaro e il progetto grafico di Roberto Duse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Natale, come arredare l'appartamento con stile ed eleganza

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Brutto incidente in via Costalunga, un ferito

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento