Controlli a tappeto sul commercio ambulante durante concerti, 700 articoli sequestrati

La Polizia Locale di Trieste, in un'operazione di contrasto al commercio illegale e alla contraffazione ha effettuato, con servizio in abiti borghesi, un'ampio numero di sequestri e confische di abiti e gadgets contraffatti

I controlli della Polizia Locale sul commercio ambulante costanti e capillari quotidianamente sono stati intensificati in occasione dei recenti concerti svoltisi in piazza dell'Unità la Polizia Locale ha programmato, infatti, fin dal primo pomeriggio, servizi mirati al contrasto dell'abusivismo commerciale su area pubblica e alla contraffazione; le pattuglie, hanno effettuato il servizio in abiti borghesi, al fine di garantire la più ampia tutela del cittadino/consumatore anche in queste situazioni, controllando sia l'area del concerto che le zone limitrofe (Rive, Cittavecchia e la zona della Stazione).

In occasione del concerto del gruppo metal inglese Iron Maiden sono stati effettuati sei sequestri amministrativi finalizzati alla confisca e derivanti da altrettante violazioni dell'articolo 42 della Legge Regionale 29/20051 Di questi articoli circa un centinaio riguardavano merchandising specifico del gruppo musicale (magliette, posters, bandane), il resto riguardava merci varie (bigiotteria, ombrelli, portafogli e palloncini).

I palloncini, verosimilmente destinati ai figli degli spettatori, in quanto raffiguranti personaggi dei fumetti/cartoni animati quali Mascha e Orso, i Pokemon, Nemo e non la mascotte del gruppo, riempiti già con gas inerte e la cui conservazione nel tempo sarebbe risultata problematica, grazie a una procedura d'urgenza di donazione, sono stati sottratti alla distruzione e donati ai piccoli e festanti ospiti del ricreatorio comunale Padovan di via Settefontane, a cui sono stati consegnati all'indomani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda, invece, il concerto del cantante pop anglo-libanese Mika sono stati effettuati tre sequestri amministrativi finalizzati alla confisca, derivanti da altrettante violazioni all'articolo 42 della Legge Regionale 29/2005 per complessivi 280 articoli: di questi oltre una novantina riguardavano merchandising specifico dell'artista (perlopiù posters di varie dimensioni). Sono state inoltre accertate e sanzionati ai sensi dell'articolo 43 della della Legge Regionale 29/20052 due venditori in possesso di licenza che però operavano in area interdetta ai sensi del Regolamento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

  • Cade in acqua e muore sulle rive: un tragico incidente, forse un malore

Torna su
TriestePrima è in caricamento