Concerto di Vinicio Campossela Stasera al Teatro Sloveno

Oggi, martedì 4 dicembre 2012, ore 21.00 Teatro Stabile Sloveno / Slovensko stalno gledališče Bonawentura / Teatro Stabile Sloveno DUE TEATRI IN ACCORDO VINICIO CAPOSSELARebetiko Gymnastas Il concerto che Vinicio Capossela ha tratto dal suo ultimo...

Oggi, martedì 4 dicembre 2012, ore 21.00
Teatro Stabile Sloveno / Slovensko stalno gledali??e
Bonawentura / Teatro Stabile Sloveno
DUE TEATRI IN ACCORDO
VINICIO CAPOSSELA
Rebetiko Gymnastas
Il concerto che Vinicio Capossela ha tratto dal suo ultimo lavoro "Rebetiko Gymnastas" (La Cupa/Warner) uscito nel giugno 2012
Dopo gli "Esercizi allo Scoperto" che Vinicio Capossela e i suoi Rebetici Ginnasti hanno praticato all'aperto nell'estate olimpica appena trascorsa, il rebetiko rientra al chiuso, nei rock club, ovvero negli spazi coperti che più si confanno al suo spirito ribelle e underground. Il rebetiko è musica nata da una catastrofe, da una grande crisi e da una colossale migrazione.
Da allora ha sempre avuto un contenuto eversivo, ha portato in sé il cromosoma della ribellione, della rivolta individuale. Rebeta viene dal turco rebet, ribelle, colui che meno si tira indietro quando le città vanno a fuoco. Il rebeta è uno che non si sottomette al meccanismo del consumo e che semmai cerca la sua bellezza altrove. Scrive John Berger che la musica iniziò dal grido che lamenta una perdita. Il rebetiko è una musica che lamenta quello che tutti noi abbiamo perduto, una musica che non dimentica le sue origini. Si officia in luoghi chiusi, dove si beve e si privilegia lo struggimento individuale. È musica che viene dal basso, che si condivide a tavola, come un'eucarestia -
Vinicio Capossela

Saranno con Vinicio Capossela i grandi musicisti della tradizione rebete che l'hanno accompagnato nel disco e dal vivo: Vassilis Massalas alla chitarra e baglamas, Ntino Chatziiordanou alla fisarmonica e all'organo Farfisa, Dimitri Emmanouil alle percussioni e soprattutto l'insigne solista del bouzouki Manolis Pappos. Completeranno l'organico due pilastri della band di Capossela quali Alessandro Asso Stefana alla chitarra e Glauco Zuppiroli al contrabbasso.

Forza solleviamo il peso della ferita e dell'assenza!
Facciamoci crescere i baffi!
Infiliamo la giubba a metà!
Come una parata, come in un addio!
Alla tua gioventù fatta di lacrime e rebetiko!
...e cantavamo in coro
e si ballava da soli.
- Vinicio Capossela

Ingresso ? 35,00 platea, ? 30,00 galleria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento