Il console d'Austria in visita dal Sindaco, discussi i rapporti economici con Trieste

Cordiale incontro  nel Salotto Azzurro del Municipio tra il Sindaco Roberto Cosolini e il Consigliere della sezione commerciale dell’Ambasciata d’Austria in Italia Gregor Postl, presenti anche il Console Onorario d'Austria a Trieste Sabrina Strolego e Massimo Gardina in rappresentanza  dell'Autorità Portuale

Cordiale incontro  nel Salotto Azzurro del Municipio tra il Sindaco Roberto Cosolini e il Consigliere della sezione commerciale dell’Ambasciata d’Austria in Italia Gregor Postl, presenti anche il Console Onorario d'Austria a Trieste Sabrina Strolego e Massimo Gardina in rappresentanza  dell'Autorità Portuale.

Ha introdotto la riunione il Console Strolego riassumendo i termini del lungo rapporto fra Trieste e Austria, sempre confermato anche nei decenni più recenti, dalle ultime manifestazioni culturali quali il “Salotto Vienna” al Salone degli Incanti fino – andando indietro nel tempo – all'ormai “storico” gemellaggio con Graz del 1973, passando naturalmente attraverso una ininterrotta attività di traffici commerciali e portuali.

Il Sindaco Cosolini porgendo all'ospite il saluto della Città ha voluto subito sottolineare come, e in particolare parlando di rapporti con l'Austria, si tratti di “un benvenuto per nulla rituale bensì riferito a un auspicio di effettiva intensificazione di reciproche connessioni su temi ben concreti e della più stretta attualità”. In proposito Cosolini ha ha rimarcato la necessità di andare oltre i già consueti e pur importantissimi e “basilari” legami affettivi, culturali e turistici esistenti “che vanno comunque in ogni modo anch'essi intensificati, e anzi proprio da questi – ha ricordato - è iniziata l'azione di questa Amministrazione Comunale per riannodare i rapporti con le città e le regioni a noi storicamente più vicine, a partire da una serie di iniziative avviate proprio nel campo culturale”. 2015_31992stampa-2

“Ma ora – ha proseguito il Sindaco – bisogna fare di più, mirando a precisi obiettivi specificamente di sviluppo economico. E tra questi ne vanno senz'altro annoverati - oltre al turismo – almeno tre: il rilancio del Porto, che, ricordiamolo, è l'unico vero Porto internazionale d'Italia, che opera “estero per estero” e che vede proprio l'Austria e la Germania come suoi riferimenti principali; il settore della Scienza e della Ricerca avanzata dove sarà opportuna l'individuazione di forme di più stretta collaborazione fra gli Istituti di alti studi del 'Sistema Trieste' e i corrispettivi austriaci per l'auspicabile nascita di progetti comuni; infine – ma non da ultima – la straordinaria opportunità rappresentata dalla riqualificazione e riutilizzo dei vasti spazi del Porto Vecchio per il quale proprio ieri – ha ricordato il Sindaco – il Comune di Trieste ha emanato un “Avviso” per la selezione di un consulente di livello internazionale cui affidare la redazione di “linee guida” e quindi l’impostazione di un Piano strategico complessivo per la valorizzazione del  vecchio scalo. Un'area – ha spiegato Cosolini al dottor Postl – di 600 mila metri quadrati, la cui trasformazione urbanistica costituirà una sfida storica non solo per Trieste ma per un ben più vasto spazio che va persino oltre la Regione e lo stesso Triveneto ed è in grado di interessare appunto anche le nazioni circostanti del Centro Europa per le quali proprio questa potrà essere la nuova 'Porta sul Mediterraneo'”.

Dal canto suo, il Consigliere commerciale Gregor Postl, dopo aver sottolineato di aver voluto non casualmente iniziare proprio da Trieste un 'giro' ufficiale nelle realtà italiane – ma non tralasciando neanche di ricordare il suo personale legame con la nostra città dove compì gli studi universitari alla Facoltà di Economia e Commercio del nostro Ateneo -, ha dichiarato di ritenere “i temi oggi illustrati tutti di grande interesse per l'Austria e meritevoli di approfondimento e sviluppo, poiché – ha detto – i rapporti reciproci già forti sono senz'altro suscettibili di ulteriori possibilità di crescita ed è proprio questo il compito particolare del nostro Ufficio”.

A proposito del quale è stata anche posta in evidenza l'attività specifica di Advantage Austria”, Ente statale direttamente connesso alle sezioni commerciali delle Ambasciate e di fatto rappresentante ufficiale dell'economia austriaca all'estero con una rete di 110 uffici in 70 paesi e una funzione di supporto e ricerca di opportunità per le imprese austriache specializzate in import-export e, viceversa, per i partner internazionali, individuando potenziali collaboratori o fornitori austriaci nonché organizzando manifestazioni tematiche e creando opportuni contatti professionali reciproci.

L'incontro in Municipio si è concluso con uno scambio di doni, tra i quali, da parte austriaca una graditissima Sachertorte per il primo cittadino!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 'giro' del rappresentante economico danubiano è poi proseguito con visite all'Area di Ricerca e incontri con le Camere di Commercio della Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Spari a Barcola: è un avvocato l'arrestato per spaccio di droga

Torna su
TriestePrima è in caricamento