Cortei di CasaPound e Trieste Antifascista, la cronaca di una giornata intensa

Finisce la giornata in cui il corteo di CasaPound e quello dell'Assemblea Trieste Antifascista hanno attraversato Trieste. Di Stefano: "Siamo qui per celebrare una vittoria e non per parlare di politica". Trieste Antifascista: "Dove le istituzioni non si impegnano ci saremo noi"

Finisce la giornata in cui il corteo di CasaPound e quello dell'Assemblea Trieste Antifascista hanno attraversato Trieste, bloccando buona parte del centro. Nessuno scontro durante le due manifestazioni, sorvegliate speciali da centinaia di uomini delle forze dell'ordine. Carabinieri, Polizia di Stato, Digos, Polizia Locale, tutti impegnati nel garantire lo svoglimento pacifico di entrambi i cortei. Nessun momento di tensione, anche se la città ha assunto una veste militarizzata per buona parte della giornata. 

Il fermo di questa mattina 

Questa mattina prima dell'inizio dei due cortei alcune persone sono state fermate nei pressi del monumento a Giuseppe Verdi in piazza san Giovanni. Portati via dai Carabinieri che hanno provveduto all'identificazione e agli accertamenti di rito. Da indiscrezioni potrebbe venir contestato il reato di manifestazione non autorizzata. 

L'inizio della manifestazione a san Giacomo 

La partenza di CasaPound

L'assembramento dei due cortei 

Sia a campo san Giacomo che in largo Riborgo entrambi i cortei hanno visto l'affluenza di migliaia di persone. I dati parlerebbero di poco meno di 2000 persone per CasaPound e almeno 4000 per l'Assemblea di Trieste Antifascista. La Questura parla di 3000 per CP e 5000 per TAF. Il corteo di CasaPound era composto da poco più di 260 file composte da sei manifestanti ognuna. Il corteo Antifascista è partito verso le 15.30 mentre quello di CasaPound abbondantemente oltre le 16. Il leader di CP Simone Di Stefano prima dell'inizio del corteo neofascista ha parlato alla stampa, puntando il dito contro la politica e avrebbe affermato di voler denunciare un prete triestino (il riferimento dovrebbe essere a don Ettore Malnati che si era espresso contro il raduno ndr). 

Il corteo di CasaPound e il comizio di Di Stefano 

Da campo san Giacomo la manifestazione a cui hanno aderito molte sigle sindacali, partiti e gente comune, si è snodato fino a piazza Goldoni, dove era previsto l'arrivo finale. Qui i manifestanti hanno chiesto di poter proseguire oltre, senza successo. La manifestazione di CP ha proseguito fino in via Battisti e poi lungo il viale XX Settembre per poi giungere al punto di arrivo nei pressi del monumento a Domenico Rossetti. Qui il leader di CP Simone Di Stefano ha ricordato il sacrificio dei "600mila e più italiani che erano i nostri nonni, i nostri bisnonni che nella Grande guerra si sono battuti come leoni scrivendo col sangue i confini di questa nostra nazione. Noi oggi siamo qui per celebrare una vittoria sia chiaro. Una vittoria di popolo, di uomini che nelle trincee hanno trovato un momento di unità ed è questo che vorremmo rivedere nel nostro popolo.Non ci interessa parlare di politica, non siamo venuti qui per i voti". 

L'intervento di Lidia Menapace alla fine del corteo Antifascista

Alla conclusione del corteo Antifascista ha parlato anche Lidia Menapace, partigiana italiana di 94 anni giunta a Trieste per la manifestazione. "Credo che il successo di questa straordinaria giornata viene dal fatto che siamo tutti popolo, giovani e meno giovani. Siamo tutti uniti e unite. Dobbiamo ringraziare chi ci ha dato la possibilità di fare a Trieste una cosa di queste dimensioni". 

Finisce così una giornata in cui Trieste ha vissuto due cortei importanti dal punto di vista numerico. Il rischio che si creassero disordini era alto ma tutto, almeno fino ad adesso, è andato tutto liscio. CP si trasferisce al concerto organizzato. Sembra non sia Fiume la destinazione ma qualche altra località. Alcune voci e indiscrezioni indicherebbero la zona di Ronchi dei Legionari, simbolo della partenza di D'Annunzio e degli uomini che fecero la cosiddetta "impresa". A Trieste e provincia la Storia sembra essere di casa. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (35)

  • ho visto il corteo di casa Paund dalla finestra di casa veramente molto bello ben fatto e tanta gente

  • ma rovinà cosa?? la gente se ga impaurì.... iera due manifestazioni tranquile senza nessun problema! anzi i unici che se ga incadenà sulla statua de Verdi iera i "pacifisti" anti Fascisti, il corteo "buono"! e finimola con sto territorio libero verzemo i oci

    • 2 manifestazioni inutili, come quela de ieri. Tuti a sfilar e dir cagade e a 1 ora de macchina xe 500.000 alberi cascadi per el vento e danni a strade, tralicci ecc ecc. I podeva spender per lori, no per riviver l'annession de Trieste all'Italia. Di fronte a sta porcheria non vedo el caso de ciaparsela con i sognatori del TLT, lori i spera in qualcosa de meio, magari de rivar al pil della slovenia (4 volte superiore a quel italian nel 2017). per dir...

      • A parte che no se trata de "sognatori" del TLT, che esisti ma el governo italiano NO sta rispettando i accordi, no xe de serar o verzer i oci, no lo ga deciso el popolo, xe stado costituido dall'O.N.U. e no xe che se pol cambiar le carte solamente fazendo finta che no esisti... Almeno qualchedun fazessi qualcossa per abolirlo, almeno el governo e l'Amministrazion italiani no andassi ulteriormente incontro a sanzioni internazionali.

        • Michele scusa ma rappresentanti del TLT si sono recati presso l'ONU per rivendicare le prerogative della provincia di Trieste, non sono stati ricevuti e una nota ufficiale dell'ONU stigmatizza che la provincia di Trieste è a tutti gli effetti territorio italiano storia chiusa ed arci chiusa

  • Perché avete cancellato il mio commento? Perché ho scritto che dipiazza ha fatto un inutile e fazioso terrorismo per una manifestazione DEMOCRATICA? Bravo Di Stefano. Massima stima per le tue parole

  • In tutto sto merdaio gò capì che Trieste prima xè rossa, gà pubblicà più notizie dei rossi che dei neri

  • Ma qualchedun de questi sa che Trieste xe stada italiana SOLO dal 1918 al 1947 e che ad oggi no fa parte dell'Italia?

    • Trieste libera se la ga inventada ultimamente 2 oriundi cabibi in antagonismo tra lori...prima ghe iera el movimento TLT fianchegiator dei titini ... Altri boni... Anche se el ricordo della Difonta A.U. xe sempre presente nei nostri cuori, noi semo Italiani!

      • Bravo Max

      • El Terrritorio Libero di Trieste NO se lo ga inventado do oriundi cabibi, lo ga costituido l'O.N.U., e ad oggi no lo ga abolido ancora nissun. Domostrare il contrario in caso grazie.

        • Il territorio libero sarebbe diventato operante se fosse stato nominato un governatore cosa mai successa, in sua vece diresse questi territori il comandante alleato .Alla partenza delle truppe angloamericane venne ufficialmente issato il vessillo tricolore e la citta' venne consegnata all'amministrazione italiana. Ogni velleità autonomista cesso con il trattato di Osimo presso la citta' di Ancona negli anni settanta dove con un accordo bilaterale Italia Yugoslavia si tracciavano definitivamente i nuovi confini (ex zona A ed ex zona B) che rientravano a fare parte dei due rispettivi paesi con reciproco accordo T.L.T. fine e "non piu' buligaribus" tutto il resto "se monade"

    • Ah no? E de cosa fa parte?

      • La se informi.

        • Mi racconti lei umile luminare storico...chi ghe dara’ la pension un domani, sempre che non la sia già.....?

    • Ma ti te sa che se no fussi vegnuda Italia qua in 1918 se gavessi ciamado Trst soto Regno de Jugoslavia?

      • Sì, mi la storia la conosso. E no parlavo de questo Resta el fato che Trieste xe stada italiana solo dal 1918 al 1947, e ad ogi no la xe italiana, seppur la gente sia disinformada e lo stato itialian fazi el gnorri.

        • Michele sbagliato, Trieste è rimasta italiana dal 4 novembre 1918 fino al 8 settembre 1943, poi sono venuti i tedeschi a riprenderla fino a maggio del 1945, poi il TLT fino al 26 ottobre 1954, il resto lo sappiamo tutti saluti

        • Ma taci s.t.u.p.i.d.i.n

        • Lei la conossi la storia solo perché qualche santon ghe ga inculca’ la testa...

        • trieste libera no esisterà mai. rasegnite cocolo

  • Mi me par che l' unico effetto ottenuto sia sta de rovinar la giornata de San Giusto a tutta la città! Bel risultato eh! De andar fieri proprio!

  • una commemorazione patriottica x ricordare quel senso di Italianità perduta. x ricordare a certi fancazzisti che vivono grazie alla pensione dei nonni che gli stessi la pensione la ricevono grazie a Mussolini...

    • Franco, basta con l’alcol.

      • m quanti anni gave? 15? comunismo e fascismo non esisti piu! esisti solo surrogati.. e non rispecchia niente dell epoca! ma si... reste delle vostre idee del 1940 con la lotta de classe, infervoreve tutti senza motivo e faze esattamente el giogo de chi vol incularve tutti

  • Dopo cosa gà capì sti fetenti?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Allerta gialla per forti raffiche di bora, possibili nevicate

  • Cronaca

    Investita in viale Miramare: ragazza 13enne in ospedale

  • Cronaca

    Donatori sangue, Ads Trieste 20mila iscritti, +1,9% nel 2018

  • Incidenti stradali

    Tamponamento tra camion su RA 13: cabina distrutta e un ferito

I più letti della settimana

  • Incidente auto-moto in Largo Barriera: grave un centauro

  • L'Harry's Piccolo di Trieste conquista la Stella Michelin

  • Morte Marianna Pepe: i risultati dell'autopsia

  • Ruba 2000 euro dalla cassa: commesso di un supermercato arrestato

  • Piano neve del Comune, tutto quello che c'è da sapere per evitare disagi

  • Ambulanza si schianta contro un furgone in via Bernini, in tre all'ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento