Cosolini accetta la sfida del "Blood Pack Challenge"

17.26 - A sfidare il Sindaco, politici e colleghi del Corpo, Valerio Zago, CSM Guardia di Finanza del Comando Regione Friuli Venezia Giulia

«Ho iniziato a donare in giovane età, al compimento del diciottesimo anno, prima come donatore saltuario. Poi, a un certo punto, mio figlio ebbe un incidente domestico e lo dovetti ricoverare d’urgenza al Burlo, abitavo a Trieste in quel periodo. Lì nel Pronto Soccorso, in attesa della procedura da seguire, vidi 5 bambini, in camice bianco, privi di capelli e di ciglia… mi apparvero come degli angeli. Rimasi molto colpito e chiesi al dottore di turno chi fossero. Sono i chemioterapici che necessitano di trasfusioni, mi rispose. Io, da quel giorno, sono diventato un “sacerdote” della donazione di sangue». Queste le parole di Valerio Zago, CSM Guardia di Finanza del Comando Regione Friuli Venezia Giulia. 

Durante l’estate è stato lanciato il volano che ha dato via alla catena di solidarietà promossa da un’associazione benefica per la lotta contro la SLA: la Ice Bucket Challenge - la Sfida del Secchiello di Ghiaccio, ha imperversato nei social e nei media diventando virale da noi e all’estero. La Guardia di Finanza del Comando Regione Friuli Venezia Giulia, con il suo CSM, Valerio Zago, ha ritenuto di mutuare questa intelligente iniziativa mediatica a favore della donazione di sangue. Il Generale qualche settimana fa, attraverso lo slogan Blood Pack Challenge – La Sfida della Sacca di Sangue, ha nominato per la donazione il Consigliere regionale Rodolfo Ziberna, il Sindaco di Trieste Roberto Cosolini, Generale Antonino Maggiore e diversi colleghi del Corpo, registrando larghi consensi ed apprezzamenti.

Il 29 settembre gli sfidati si sono presentati nel Centro Immunotrasfusionale dell’Ospedale Maggiore alle ore 8.00: tutti infatti hanno accettato coraggiosamente. Il Sindaco di Trieste Cosolini ha invitato tutti i cittadini che godono di buona salute a cogliere la sfida e andare a donare in uno dei punti prelievo della città per contribuire ad arginare la crescente emergenza sangue.

L’Associazione Donatori Sangue di Trieste appoggia e condivide l’iniziativa del CSM Zago e si augura che diventi virale, che gli stessi donatori colgano l'occasione per invitare amici e colleghi cosicché coloro che non hanno mai donato, inizino a farlo. L'obiettivo è che i rappresentanti nelle massime Istituzioni, assumendosi il ruolo di testimonial per promuovere buone pratiche sociali, diano vita a una maggiore partecipazione della popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento