Crocifisso di Opicina riparato dopo atto vandalico

È già stato riparato ed è tornato al suo posto il crocifisso ligneo dell'edicola votiva di via Prosecco a Opicina, oggetto nella notte tra giovedì e venerdì di un episodio di vandalismo

Riparato e tornato al suo posto il crocifisso ligneo dell'edicola votiva di via Prosecco a Opicina, oggetto nella notte tra giovedì e venerdì di un orribile episodio di vandalismo.

Ignoti hanno infatti staccato al Cristo un braccio, che è stato poi ritrovato da una concittadina nei pressi del Cimitero e amputato gli indici di entrambe le mani, di cui invece non si ha traccia, ma che verranno a breve ricollocati grazie a un'opera di restauro. L'episodio, nuovo per Opicina, non ha avuto testimoni, ma ha profondamente turbato i residenti della borgata carsica che si sono immediatamente attivati e in breve hanno ritrovato il braccio mancante e provveduto a incollare le parti danneggiate (il braccio e alcune dita della mano).

Un ringraziamento particolare viene rivolto ai cittadini grazie ai quali è stato possibile ritrovare e riparare le parti mancanti del crocifisso e in particolare alla signora Adriana Sossi, che ha rinvenuto il braccio e al Vicepresidente del Consorzio Centro in Via Insieme a Opicina - Skupaj na Opcinah, Boris Bogatec, che presso la propria attività ha provveduto al ripristino della statua. La presidente del Consorzio Centro in Via Insieme a Opicina - Skupaj na Opcinah, Nadia Bellina, anche a nome del Presidente dell'Associazione per la Difesa di Opicina - Združenje za Zaščito Opčin, Dario Vremec, ha espresso sdegno e ferma condanna per l'odioso gesto, che non appartiene ai valori propri della Comunità di Opicina (che si appresta a festeggiare, il prossimo 24 agosto, il proprio patrono, San Bartolomeo).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pur ritenendolo un caso isolato, la presidente sottolinea - alla luce di questo e di altri casi segnalati dai cittadini - la necessità di una maggiore azione di controllo del territorio, anche attraverso la già prevista installazione di telecamere di sorveglianza. Invitiamo tutti - ha concluso - a posare un fiore sotto al crocifisso ricollocato e segnaliamo che, per l'occasione, la cappella rimarrà aperta nelle ore diurne fino a domenica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • La Regione conferma il blocco totale, Fedriga firma una seconda ordinanza

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

Torna su
TriestePrima è in caricamento