Degrado al parco del Farneto, "Volontari Trieste pulita": «Situazione vergognosa» (VIDEO)

Il movimento di cittadini "Volontari per Trieste pulita", torna a denunciare la situazione di degrado a cui è soggetto il parco del Farneto, il polmone verde più esteso della città

Un frame del video girato dai Volontari Trieste Pulita del 13 luglio

I "Volontari per Trieste Pulita",  movimento che si auto definisce «spontaneo di cittadini, apartitico, che promuove il decoro urbano, l'orgoglio civico, il volontariato e l'educazione», tornano a segnalare la situazione di degrado in cui versa il parco del Farneto, il più esteso di Trieste che sovrasta il rione San Giovanni e che si estende da San Luigi a Melara, fino a Rio Farneto che scorre nella valle di Longera.

Il 13 luglio la prima video-segnalazione, quando i volontari hanno trovato dei veri e propri bivacchi improvvisati e dall'estremo degrado.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La segnalazione aveva portato i suoi frutti perché l' "accampamento" era stato prontamente ripulito. Quest'oggi un nuovo sopralluogo, sempre dei cittadini di Volontari per Trieste Pulita, hanno ritrovano una condizione molto simile a quella di qualche settimana fa, immortalando tutto nel  video che vi proponiamo:

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricordiamo che il parco «Farneto il cui nome deriva da farnus, una specie di quercia, è il più esteso polmone verde della città con 915.400 mq. di superficie, che sovrasta il rione di San Giovanni e che si estende da San Luigi a Melara fino al Rio Farneto che scorre nella valle di Longera.

Distrutto in gran parte durante la seconda guerra mondiale per il bisogno della popolazione di procurarsi la legna da ardere, il Boschetto fu sempre pubblico e intervennero dal 1533 in poi i sovrani austriaci che lo mantennero e lo fecero recintare per impedirne le devastazioni. Maria Teresa d'Austria, intorno al 1750, nominò un cacciatore guardiaboschi per il quale fece costruire due case, una a metà collina e l'altra sulla sommità, da cui il toponimo tutt'ora in essere per quella zona della città detta il Cacciatore. Nel 1785 il Boschetto possedeva ben 32.984 querce che proteggevano la città dal vento di bora e rendevano l'aria particolarmente salubre. Nonostante le guerre, le gite domenicali al Boschetto divennero una consuetudine dei triestini, soprattutto dopo l'apertura nel 1808 della passeggiata del viale XX Settembre.

Nel 1858 venne eretto l'edificio del Ferdinandeo, allora come albergo con ristorante, caffetteria e sala da ballo. Parco Farneto è stato riaperto al pubblico nel 2000 dopo la ristrutturazione ed il recupero dei sentieri storici che sono stati in parte lastricati e lungo i quali sono state create delle aree di sosta. L'area dispone inoltre di un percorso naturalistico per poter osservare le famiglie di caprioli e altri animali, di un percorso vita per praticare attività ginniche, di un'area giochi per i bambini, per il ping pong e le bocce. Il Parco, ben servito dai mezzi pubblici, si gode in tutta la sua estensione percorrendolo a piedi attraverso i sentieri, ma per chi non volesse rinunciare all'automobile sono disponibili due zone di parcheggio con accesso da via Marchesetti (Fonte ReteCivica.Trieste.it)».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento