Degrado in largo Nicolini, Ater: «Nessuna pulizia in programma»

Il direttore Antonio Ius ha spiegato che solo al momento in cui verranno assegnati tutti gli alloggi si provvederà a un progetto di riqualificazione dell'area vandalizzata dai wrieters. Procedono intanto i lavori per ottenere l'agibilità dei parcheggi

«Al momento non sono previste opere di pulizia di muri e vetrine di Largo Nicolini». A dichiararlo è il direttore dell'Ater di Trieste Antonio Ius da noi interpellato in seguito alle polemiche innescate dal consigliere in V Circoscrizione Roberto Dubs in merito alle condizioni della struttura (37 appartamenti, oltre 40 parcheggi, 3 negozi, una palestra e un asilo nido).

L'assessore comunale Elena Marchigiani ha risposto politicamente alle accuse lanciate da Dubs: «Nessuno, meno che meno io o il Sindaco, era lì per gioire dello scempio fatto da persone che non hanno a cuore il bene pubblico, e che non vanno certo usate come pretesto per fare sterile campagna elettorale. L'importante è che ora, finalmente, quegli spazi saranno abitati e quindi presidiati e non più lasciati all'abbandono». 

Politica a parte, i "murales" (se così vogliamo chiamare questi gesti vandalici, ndr) restano. «Non metteremo mano ai graffiti finchè tutte le abitazioni e i locali non saranno assegnate e occupate (dalla prossima settimana le prime assegnazioni,ndr) - ci ha spiegato il direttore Antonio Ius -. Penseremo poi a come risolvere il problema. Un problema con cui si deve confrontare tutta la città visto che molte altre zone portano la firma di questi vandali».

Un altra questione, sempre relativa a largo Nicolini è quella dei parcheggi: la struttura era stata progettata per avere i posti auto interrati, ma, motivo per cui anche sono state ritardate le consegne, non è stata ottenuta l'agibilità. Ma, almeno questo «problema è in via di risoluzione e si sta lavorando per sistemare la zona e ottenere le autorizzazioni», ha spiegato Ius.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento