Disoccupato suicida, cordoglio della Cgil Fvg: «Nuovo segnale d'allarme»

Il Cgil ha annunciato l'avvio dell'ultima fase della campagna per i referendum sul lavoro in programma sabato 11 febbraio a Trieste (piazza della Borsa ore 11-13)

«Questa tragedia, purtroppo emblematica, è un nuovo segnale d’allarme, l’ennesimo, della condizione di mancanza di speranza e di aspettative in cui si trova un numero crescente di giovani. Se non vogliamo che questo stato di cose diventi la normalità, la condanna di un’intera generazione, dobbiamo rivedere un modello sociale, economico e culturale sempre più basato sulla competitività esasperata, sulla mercificazione e sulla precarizzazione del lavoro».

Queste le parole con cui il segretario generale della Cgil Fvg Villiam Pezzetta ha aperto i lavori del direttivo regionale riunitosi questa mattina a Udine, segnato purtroppo dalla notizia del suicidio di un giovane disoccupato, pubblicata oggi da un quotidiano locale assieme alla lettera con cui la vittima ha spiegato il suo estremo gesto. «Sono anche vicende come questa che spingono la Cgil a combattere per cambiare rotta sul lavoro, con la convinzione che una società e un Paese diverso sono possibili: la stessa condinzione che anima la nostra proposta di legge sulla Carta dei diritti e i referendum su voucher e appalti», ha aggiunto Pezzetta, annunciando l’avvio dell’ultima fase della campagna per i referendum sul lavoro, che parte anche in Fvg con una serie di manifestazioni di piazza in programma sabato 11 febbraio a Trieste (piazza della Borsa ore 11-13), Monfalcone (piazza Repubblica dalle 10 alle 12.30), Udine (piazza San Giacomo 10-13) e Pordenone (piazzetta Cavour 9.30-12.30).

«È merito soprattutto della Cgil, dei referendum e della nostra proposta sulla Carta dei diritti – ha dichiarato ancora Pezzetta – se il lavoro è tornato uno dei grandi temi del dibattito politico e mediatico. Di questo siamo convinti, così come dobbiamo essere convinti che il 51% è un obiettivo possibile, nella consapevolezza che questa battaglia referendaria rappresenta il più importante argine contro il dilagare della precarietà e della mercificazione del lavoro». Dopo l’impegno profuso per raccogliere 1,1 milione di firme a livello nazionale (e 12.500 in regione) per i referendum su articolo 18, voucher e appalti, la Cgil è pronta a lanciare l’ultimo sprint per il quorum sui due quesiti (voucher e responsabilità solidale negli appalti) che hanno superato il vaglio della Consulta. «Ma pronti anche – ha rimarcato Pezzetta – a lanciare nuove battaglie sul tema dell’articolo 18, per rivendicare leggi capaci di impedire i licenziamenti illegittimi e limitare lo squilibrio esistente tra datore di lavoro e dipendente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento