Distrutti in porto 2500 ricambi Hyunday e Kia

La merce è stata controllata dai funzionari del servizio antifrode presso l’Ufficio delle Dogane ed è stato rilevato che non riportava la necessaria autorizzazione

Distrutti nei giorni scorsi presso il Punto Franco del Porto di Trieste 2.488 pezzi di ricambio Hyundai e Kia. Erano stati dichiarati in modo illegittimo per l’importazione da un rivenditore generico di autoricambi, in quanto non riportavano la prevista autorizzazione. La merce è stata sottoposta a controllo da parte dei funzionari del servizio antifrode presso l’Ufficio delle Dogane di Trieste.

Il trasporto

Il materiale era stato trasportato in due container provenienti dagli Emirati Arabi e diretti in Slovenia. Le operazioni di rottamazione sono state richieste dalla filiale italiana di Mobis Parts Europe, società del gruppo Hyundai Motor Group responsabile della distribuzione di ricambi e accessori Hyundai e Kia, al fine di contrastare i fenomeni di contraffazione e importazione illegale dei propri prodotti per tutelare gli interessi della rete di distribuzione ufficiale e la sicurezza dei consumatori finali.

Un percorso formativo 

L’operazione rappresenta l’esito di un percorso formativo/informativo, svolto dalla società Mobis Parts per conto delle case automobilistiche Hyundai e Kia di concerto con il personale dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di diversi uffici doganali tra cui quello di Trieste, per favorire una più ampia e completa conoscenza, da parte dei funzionari doganali, dei sistemi identificativi comprovanti l’accertamento della genuinità e veridicità dei prodotti.

Materiale radioattivo in Porto, Pastor: "Destinato a fabbrica di microchip" 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento