"Droghe dello stupro" nei locali a Bologna: nei guai anche un triestino

L'operazione dei Carabinieri è nata dopo la segnalazione di alcuni cittadini. Le quantità sequestrate sul mercato avrebbero fruttato 150mila euro

foto Bologna Today

Una rete di trafficanti di droghe sintetiche è stata smantellata dai Carabinieri del Nucleo Operativo. L'indagine è nata dalle segnalazioni partite dai locali notturni bolognesi e ha portato al fermo di quattro persone, a seguito delle perquisizioni domiciliari: un bolognese di 48 anni, con precedenti di polizia, un cosentino di 38 anni, con precedenti per spaccio, un triestino di 43 anni, e un 52enne di Parma, questi ultimi entrambi incensurati.

Al momento, per il triestino è stato emesso un divieto di dimora a Bologna, per altri due sono stati disposti gli arresti domiciliari e per un terzo gli arresti. Si tratta di "insospettabili", lavoratori e imprenditori, che "arrotondavano" vendendo GHB, la cosiddetta "droga dello stupro", cocaina, mefedrone e pentedrone, un quantitativo che immesso sul mercato avrebbe fruttato quasi 150mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Nuovi concorsi in Comune: aperti 8 posti a tempo indeterminato

Torna su
TriestePrima è in caricamento