Due latitanti arrestati a Fernetti: uno doveva scontare più di 2 anni

Erano ricercati per reati contro il patrimonio e furti in abitazione

Arrestati la scorsa notte a Fernetti dalla Polizia di frontiera mentre cercavano di rientrare in Italia, e ora sono rinchiusi nel carcere locale. Si tratta di un cittadino romeno, G.V.C. di 46 anni, e di un cittadino albanese, V.A. di 34 anni, arrestati in due distinti controlli. Il primo era destinatario di un ordine di carcerazione emesso lo scorso novembre dalla Procura di Milano. Il secondo era, invece, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta nell’aprile 2015 dal Tribunale Ordinario di Modena. Il cittadino comunitario deve scontare due anni e quattro mesi di reclusione per reati contro il patrimonio, mentre il cittadino albanese è ritenuto responsabile di furti in abitazione.

Il cittadino romeno è stato identificato a bordo di un autobus proveniente dalla Romania e diretto in Francia; il cittadino albanese, invece, viaggiava su un autobus partito da Vienna con destinazione Venezia. All’arresto del cittadino comunitario ha partecipato il personale militare del Reggimento Piemonte Cavalleria di Trieste, che ormai da oltre due anni collabora con la Polizia di Frontiera nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

Torna su
TriestePrima è in caricamento