Energia, l'Assemblea del Consorzio Confindustria presenta i dati

Il Consorzio Energia Confindustria si è riunito in assemblea nei giorni scorsi per presentare un quadro d'insieme sul mercato dell'energia, in particolare sull'andamento economico e di consumo per quanto riguarda l'energia elettrica, il conseguente petrolio e il gas naturale

Si è tenuta nei giorni scorsi la seconda Assemblea del Consorzio Energia Confindustria, realtà che si occupa di contrattare la fornitura di energia elettrica e del gas, nata già nel 2013 al termine di un percorso di aggregazione tra il Consorzio Energia Trieste e Consorzio Energia Isontina.

L'assemblea è stata l'occasione per Ulrike Andres, presidente del Consorzio Energia Confindustria, nonché presidente e amministratore delegato di SIOT - Società Italiana per l'Oleodotto Transalpino -, per fare un quadro del mercato energetico e delle attività del Consorzio nel 2014.

Per il 2014 l'attività del Consorzio Energia Confindustria si è concentrata sul contribuire ulteriormente al miglioramento della capacità produttiva e dell'efficienza delle aziende consorziate, garantire l’accesso al mercato libero dell’energia anche alle piccole utenze aziendali e l’ottimizzazione dei consumi e del gas. Il Consorzio agisce infatti come un gruppo di acquisto, approvvigionamento di elettricità e gas per offrire condizioni contrattuali vantaggiose a imprese, enti e strutture di qualsiasi genere dimensione, anche non iscritte a Confindustria Venezia Giulia. Il Consorzio inoltre offre consulenza e assistenza sui vari temi energetici e sulle esigenze complementari alle forniture.

Un esempio è il meccanismo di incentivazione delle cd. imprese energivore il cui iter per il riconoscimento delle spettanze 2013 è ora in fase di definizione. Nel 2014 il Consorzio si è inoltre attivato con un nuovo servizio, il preaudit energetico per offrire alle aziende una prima valutazione degli interventi immediatamente applicabili per il miglioramento delle loro prestazioni energetiche. Il servizio, gratuito per i consorziati, attraverso l’analisi delle bollette e dei macchinari installati, fornisce una stima del potenziale risparmio, stabilisce le priorità di azione e le aree più idonee all’implementazione di progetti di efficienza energetica.

Nel 2014 a essere diverso rispetto al passato è stato l'andamento del mercato energetico internazionale e nazionale, con l'inatteso deprezzamento del costo del petrolio. Due le ragioni: in primo luogo un eccesso di offerta, legata all'estrazione da sabbie bituminose negli USA, all'incremento della produzione in Russia e al rialzamento della produttività in Libia; in secondo luogo una riduzione del consumo globale di petrolio, con la Cina che non ha raggiunto i livelli di fabbisogno attesi, un calo dei consumi in USA, Giappone ed Europa.

Contrariamente a quanto si può pensare, tuttavia, il ribasso del prezzo del petrolio - da 108 a 45 $ al barile - ha portato a effetti molto marginali sul mercato elettrico italiano, con un andamento del PUN - Prezzo Unico Nazionale - che è nel 2014 stato basso fino ad agosto, per poi risalire nell'ultimo quadrimestre, attestandosi al valore medio di 52,08 €/MWh. Il mercato italiano è infatti caratterizzato da una domanda di energia debole (-3% rispetto al 2013), in calo per il terzo anno consecutivo, con una perdurante sovracapacità produttiva rispetto alla domanda di energia (130.00 MW contro 55.000 MW). Di fronte a questo contesto complesso, attraverso un mix tra tre tipologie di contratto, il Consorzio ha contrattato 442 GWh di energia, per un numero complessivo di 76 aziende e 289 punti di prelievo.

Per quanto riguarda il gas, il Consorzio ha assistito 37 aziende, per un totale di 50 milioni di metri cubi, ottenendo una riduzione del prezzo di circa l'11-13% rispetto all'anno termico 2013-2014. Per il futuro, per quanto riguarda l’energia elettrica verranno diversificati i momenti di acquisto e verrà valutato quale percentuale del prezzo eventualmente lasciare aperto al mercato. Il Consorzio seguirà anche aziende che fossero interessate a sfruttare la forza dell’aggregazione ma che in un’ottica di maggior rischio desiderano lasciare aperto il prezzo al PUN o al contrario vogliano fissarlo in un solo periodo dell’anno. Il Direttore del Consorzio, Sonia Lussi, è a disposizione per ogni informazione su tutte le tipologie contrattuali.

Potrebbe interessarti

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

  • Gli effetti benefici dell'anguria, il frutto più atteso dell’estate

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Avvistato squalo volpe nelle acque del golfo di Trieste

  • Carico da oltre 9 tonnellate rovina addosso ad una macchina, illesi gli automobilisti

  • Trauma cranico dopo un tuffo in Val Rosandra: soccorso un 17enne

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

Torna su
TriestePrima è in caricamento