Entrati in Italia a bordo di un furgone: denunciati tredici clandestini

Al termine delle attività di polizia per tutti è stato avviato il previsto procedimento amministrativo

Un gruppo di immigrati extracomunitari irregolari è stato bloccato l’altra settimana sull’altopiano carsico dagli agenti della IV Zona Polizia di Frontiera – Settore di Trieste. Si trattava di quattro donne e nove uomini, tra i 15 e i 52 anni, di nazionalità eritrea, irachena, saudita, siriana, somala e sudanese. Al termine delle attività di polizia, per tutti e tredici è stato avviato il previsto procedimento amministrativo. L’unico minorenne del gruppo è stato affidato alla sorella maggiorenne con cui viaggiava.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i primi accertamenti, gli stranieri sarebbero entrati in Italia illegalmente su un furgone e, una volta abbandonati frettolosamente dal conducente, avrebbero proseguito a piedi in piccoli gruppi. Tutti avrebbero attraversato in tempi diversi la cosiddetta rotta balcanica e insieme avrebbero viaggiato sul tratto verso l’Italia. Il viaggio sarebbe costato qualche migliaio di euro a testa e per alcuni avrebbe dovuto concludersi nei Paesi del Nord Europa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

Torna su
TriestePrima è in caricamento