Arrestato per stalking, evade dai domiciliari: 38enne triestino in carcere

L’uomo aveva lasciato la propria abitazione in preda ad uno stato di agitazione, facendo perdere le proprie tracce

Si tratta di M. M., triestino, classe 1979, il quale si trovava già agli arresti domiciliari, poiché indagato del reato di atti persecutori nei confronti della ex convivente. L’uomo aveva lasciato la propria abitazione lo scorso 22 novembre in preda ad uno stato di agitazione, facendo perdere le proprie tracce.

Immediate le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Trieste svolte dalla Polizia di Stato del capoluogo giuliano finalizzate al rintraccio dell’evaso, per il quale era sorto anche il timore che potesse porre in essere gesti estremi. Così, nella serata del 28 novembre, il personale della Squadra Mobile impegnato nelle ricerche riusciva a contattare l’uomo, che veniva convinto a desistere da ogni proposito violento ed a consegnarsi alle Forze dell’Ordine

Una volta rintracciato, è stato sottoposto al provvedimento emesso dal G.I.P., su richiesta della Procura di Trieste, con il quale è stato aggravato il provvedimento cautelare in forza del quale era stato posto ai domiciliari; M. M. è stato così tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale, dove dovrà permanere a disposizione della competente A.G..

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Madonna del Carmine, a Gretta la processione (foto)

  • Economia

    Lavoro, si assume di più

  • Politica

    Sicurezza: 2 milioni per telecamere e ordine pubblico

  • Cronaca

    Trieste Trasporti: modifiche ai persorsi di alcune linee

I più letti della settimana

  • Conficoni (PD): "La giunta rifinanzi le bici elettriche"

  • Camper in contromano sulla A4

  • Il "carcere dei cani" a Borgo San Sergio (VIDEO)

  • Allerta meteo: forti temporali in arrivo dalle prossime ore

  • Macchina travolge motociclista (foto)

  • Polidori: «Minnie e Topolino 'beccati' senza permesso»

Torna su
TriestePrima è in caricamento