Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Esplosione a Bologna, un gradese a pochi metri: il racconto

Il procuratore sportivo Federico Francioni era a 100 metri dal luogo dell'incidente e ha ripreso la scena. Oltre 50 feriti molti dei quali gravi

 

Federico Francioni, procuratore sportivo di Grado (ha tra gli assistiti anche il giocatore della Triestina Federico Maracchi ndr) era a pochi passi dalla tragedia che ha coinvolto decine di macchine e un'autocisterna nei pressi di Borgo Panigale a Bologna. L'esplosione ha provocato il ferimento di oltre 60 persone molte delle quali in gravi condizioni. La situazione al momento è grave (qui il bollettino).

"Come una bomba che stava per esplodere"

"Ho sentito la macchina tremare" racconta Francioni. "Ero arrivato a circa 100 metri dal luogo dell'incidente e la cisterna stava fumando. Lo scoppio è stato violentissimo". "Siamo rimasti fermi per molto tempo e alla fine ci hanno fatto fare retromarcia in contromano per uscire dall'autostrada". 

Il panico

"All'inizio pensavo fosse un incidente diciamo normale, subito dopo il camion è esploso e ha mandato gli automobilisti nel panico generale. C'erano macchine dappertutto, i Vigili del Fuoco con gli elicotteri, la Polizia che ha dovuto indirizzare il traffico, sono arrivati i soccorsi, è crollato un ponte, insomma è stato un momento di paura". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TriestePrima è in caricamento