Si finge cieco grave: truffa da 21 mila euro

L'uomo ha palesato alle commissioni mediche esaminatrici un falso aggravamento della patologia degenerativa detta “malattia di Devic”. Scoperto dalla Guardia di Finanza.

Un falso invalido per cecità grave è stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Trieste. L’uomo, un bengalese residente nel capoluogo giuliano, dissimulando il suo reale stato di salute, ha presentato all’INPS domanda di pensione come invalido civile palesando alle commissioni mediche esaminatrici un falso aggravamento della patologia degenerativa detta “malattia di Devic”.

L’approfondimento documentale sul reale stato di salute della persona oggetto di accertamenti - eseguito presso l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e attraverso la raccolta delle dichiarazioni di numerosi soggetti, tra cui medici specialisti e operatori sanitari -, ha dato la possibilità di segnalare all’Autorità Giudiziaria l’atteggiamento artificioso del soggetto, finalizzato a richiedere ed ottenere un “aggravamento” della pensione di invalidità civile.

Le indagini

Il cittadino bengalese è stato quindi oggetto di numerosi pedinamenti e osservazioni da parte dei militari della Guardia di Finanza, anche con l’utilizzo di mezzi di videoripresa, che hanno avvalorato la tesi di artificiosità degli atteggiamenti dell’uomo il quale, pur potendosi definire un “ventesimista”, non avrebbe subito nessun aggravamento del suo stato salute tale da poterlo definire “cieco assoluto”. A fronte della documentazione raccolta e dell’attività di investigazione coordinata dalla magistratura competente, risultano dimostrate le illecite condotte del bengalese che hanno consentito al Giudice per le Indagini Preliminari di Trieste di emettere un provvedimento di sequestro per 21.000,00 euro, corrispondente ai ratei pensionistici riferibili al presunto aggravamento del visus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il provvedimento è stato eseguito direttamente presso l’INPS che ha bloccato immediatamente l’erogazione della somma ed è stato notificato allo straniero al suo rientro in Italia dopo che aveva trascorso un soggiorno in Bangladesh.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: la console croata chiarisce la posizione del Paese

  • Blocco unilaterale dei confini, Fedriga chiede l'intervento del Governo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento