Gorizia, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: arrestati due uomini a Sant'Andrea

Gli uomini viaggiavano con altre quattro persone,tra cui due minori, privi di qualsiasi visto d'ingresso nello spazio Schengen o titolo di soggiorno

foto di repertorio

Personale del settore di Polizia di Frontiera terrestre di Gorizia, nel primo pomeriggio di giovedì 22 febbraio scorso, presso l'ex valico confinario di Sant'Andrea (GO),ha fermato un Volkswagen Touareg con targa lituana, proveniente dalla vicina Slovenia.
A bordo viaggiavano sei cittadini cinesi: il conducente, C.W. di anni 34, ed uno dei passeggeri, C.X. di anni 44, risultavano essere presenti legalmente nello spazio UE in quanto in possesso di passaporto nazionale e titolo di soggiorno, rispettivamente dalla Lituania e dalla Slovenia.

Viceversa gli altri quattro, di cui due minori, erano illegali in T.N. poichè privi di qualsiasi visto d'ingresso nello spazio Schengen o titolo di soggiorno.
Il conducente ed il passeggero "regolari", al termine delle necessarie attività di indagine, sono stati tratti in arresto, ed associati presso la locale Casa Circondariale, per favoreggiamemto all'immigrazione clandestina dei quattro connazionali, che, entrati illegalmente in Italia, sono stati indagati in stato di libertà. I due minori sono stati affidati ai servizi sociali del Comune di Gorizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento