Ferisce gravemente due ragazzi con un coccio di vetro: arrestato

Il 58enne senzatetto era stato condannato a 5 anni e 4 mesi per tentato omicidio durante una rissa nel 2016

Era stato condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione per tentato omicidio: aveva ferito gravemente due ragazzi nella pineta di Barcola usando un coccio di bottiglia. Si tratta di B.Z., 58enne croato senza fissa dimora in Italia, rintracciato dai Carabinieri di Duino in quanto destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Trieste lo scorso 3 gennaio.

La condanna definitiva per tentato omicidio e lesioni personali gravissime era scattata perché, nel giugno del 2016, nella pineta di Barcola, al culmine di un litigio per futili motivi con due ventenni triestini, si era scagliato contro di loro e li aveva gravemente feriti con un coccio di vetro.

La scorsa settimana era già stata segnalata ai Carabinieri la presenza di uno straniero che, ubriaco, aveva molestato gli altri clienti. In quella occasione l’uomo si era allontanato poco prima dell’arrivo dei Carabinieri. I militari avevano anche ricevuto segnalazioni della presenza di uno sconosciuto che si aggirava nei boschi del carso, e verosimilmente pernottava in un anfratto o in una dolina della zona. 

Nella serata di lunedì B.Z. si è nuovamente presentato presso l’esercizio pubblico per consumare alcolici. Questa volta, però, una pattuglia della Stazione di Duino lo ha raggiunto nel locale prima che si allontanasse. È stato quindi accompagnato in caserma per accertamenti e, una volta verificata la sua identità, è stato arrestato e tradotto al Coroneo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Sparatoria in Questura, offese sui social contro la Polizia: tre denunciati

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • "Come un cavallo imbizzarrito", le parole della testimone che ha incrociato il killer in via Carducci

Torna su
TriestePrima è in caricamento