Ferriera, Siderurgica Triestina: «Alcuni parametri biologici dei dipendenti sono in diminuzione»

Ieri primo incontro plenario con i dipendenti della Ferriera di Servola. Giovanni Arvedi (Presidente dell’omonimo Gruppo) e Andrea Landini (Presidente e Amministratore Delegato di ST) hanno presentato l’avanzamento del piano industriale per la messa in sicurezza e il rilancio dell’impianto

strada parco fossile (com'era)

Siderurgica Triestina ha promosso ieri (martedì 22 settembre) il primo incontro plenario con i dipendenti della Ferriera di Servola. Giovanni Arvedi (Presidente dell’omonimo Gruppo) e Andrea Landini (Presidente e Amministratore Delegato di ST) hanno presentato l’avanzamento del piano industriale per la messa in sicurezza e il rilancio dell’impianto. Ampio spazio è stato inoltre dedicato al confronto su altri argomenti di specifico interesse dei dipendenti: i risultati dell’ultimo monitoraggio biologico, le norme di sicurezza, le migliorie apportate per il benessere aziendale, il piano di incentivazioni e le modalità di comunicazione interna.

I vertici hanno poi condiviso i risultati delle diverse campagne di monitoraggio biologico effettuate sui dipendenti da una società specializzata: la prima, di ottobre 2014 (cioè all’avvio della gestione ST, quando gli impianti lavoravano a regimi ridotti) e la seconda, di aprile 2015, cui seguirà la rilevazione di aprile 2016. «Il raffronto dei risultati delle prime due campagne (ottobre 2014/aprile 2015) - si legge nel comunciato della Siderurgica Triestina - non ha evidenziato incrementi nei valori degli indicatori biologici analizzati. Come illustrato ai dipendenti, al contrario, alcuni parametri sono in diminuzione grazie agli interventi di ammodernamento degli impianti e del sito e grazie alle nuove procedure di protezione individuale e collettiva; tra queste, i vertici di ST hanno ricordato le procedure igienico sanitarie interne e gli investimenti effettuati per i nuovi dispositivi di protezione individuale (mascherine a carboni attivi, guanti protettivi etc.)».

«La natura – ha spiegato Giovanni Arvedi – è un bene irrinunciabile che appartiene all’umanità, e tutti ne siamo responsabili». Ai presenti nella mensa centrale per partecipare all’incontro è stata poi ribadita poi la volontà dell’azienda di proseguire nell’azione di aggiornamento e coinvolgimento della forza lavoro nella realizzazione del piano industriale.

Landini, ricordando che «i nostri dipendenti sono la base che fonda il nostro successo, perciò i primi destinatari del nostro impegno», ha annunciato la redazione e distribuzione di un notiziario interno a loro dedicato. Lo stesso ad ha infine comunicato le decisioni assunte con i sindacati circa i target da raggiungere per l’assegnazione del premio di risultato, che valorizza l’impegno profuso nell’azienda in un momento di cambiamento che «è una sfida che si può vincere solo uniti».

Il Presidente Arvedi ha chiuso l’incontro rimandando al prossimo, che si terrà prima di Natale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento