Ferriera, lavoratori e sindacati in piazza chiedono un tavolo con la Regione

Sindacati confederali e lavoratori dello stabilimento triestino sono scesi oggi in piazza in attesa dell'esito dell'incontro tra diverse sigle e Regione. Fedriga: "Tavolo interministeriale per la riconversione occupazionale fondato sullo sviluppo economico dell'area"

I sindacati confederali e lavoratori dello stabilimento triestino, di proprietà del Gruppo Arvedi, sono scesi oggi, 11 settembre, in piazza per richiedere un tavolo regionale dove poter discutere sul futuro della Ferriera e trovare una soluzione per i lavoratori a rischio. Presenti in piazza Unità, dichiara l'Ansa, diverse decine di partecipanti che hanno atteso l'esito dell'incontro tra una delegazione di Fiom, Fim, Fim, Cgil, Cisl e Uil e il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, con gli assessori Fabio Scoccimarro, Sergio Emidio Bini e Alessia Rosolen.

operai piazzaunità-2

L'incontro tra sindacato e Regione

"La richiesta al Governo della convocazione, già accordata e prevista per la prossima settimana, di un tavolo interministeriale sulla Ferriera di Trieste con il coinvolgimento, oltre delle rappresentanze sindacali territoriali e della proprietà, anche del Comune e dell'Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Orientale. Non un tavolo di crisi, ma la costituzione di una regia per governare un processo di riconversione occupazionale fondato sullo sviluppo economico dell'area". Questo quanto comunicato dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, alle sigle sindacali nel corso dell'incontro.

Come sottolineato dal governatore, l'Amministrazione regionale "tiene con fermezza" sia il punto della sicurezza sul lavoro che "in primis l'azienda deve continuare a garantire" sia quello relativo al fatto che "i tempi del processo di ricollocazione occupazionale debbono essere dettati dalle Istituzioni pubbliche".

pres Fedriga ass Rosolen Scoccimarro Bini sindacalisti ferriera-2

"A tal fine - come ha rimarcato Fedriga - abbiamo chiesto la costituzione di una regia nazionale in grado di governare il percorso di riconversione che comprende, oltre all'azienda, le competenze di quattro ministeri (Sviluppo economico, Ambiente, Lavoro e Trasporti), delle istituzioni locali (Comune e Authority) e delle rappresentanze sindacali territoriali". Al contempo, come spiegato dal governatore, sarà operativo il tavolo regionale che entrerà più dettagliatamente su quanto condiviso a livello romano".

Infine, per quel che riguarda il rapporto con la proprietà, Fedriga ha dichiarato di essere convinto della volontà collaborativa dell'azienda nella presentazione del piano industriale per chiarire in particolar modo quali siano i programmi di sviluppo del laminatoio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • MSC Crociere e Fincantieri svelano la nave più grande mai costruita in Italia

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Schianto tra moto e scooter in via Fabio Severo: tre feriti a Cattinara

  • Trovato senza vita il 58enne triestino scomparso in Istria

  • "Estetique B&B" apre in via San Nicolò, la seconda sfida dei 23enni Kevin e Matteo

  • Incidente sul Ra13: quattro feriti, una persona incastrata nel furgone

Torna su
TriestePrima è in caricamento