Ferriera, Prodani e Battista: «Dossier shock, con aiuto cittadinanza possibile chiarezza»

L' appello è esteso anche ai familiari di chi è deceduto in seguito a gravi patologie». Con queste parole i parlamentari triestini Lorenzo Battista (AUT) e Aris Prodani (AL) rilanciano il loro impegno insieme all'associazione NoSmog Onlus

«Con la Dottoressa Gatti abbiamo cercato di dare risalto a temi di salute pubblica e di rilievo ambientale, scevri da ogni forma di pregiudizio e con il solo obiettivo di mettere a fuoco la qualità della vita della popolazione servolana e triestina. Abbiamo intenzione di proseguire su questa strada con un appello. Chiunque ritenga di aver sviluppato forme tumorali potenzialmente legate a sorgenti di inquinamento industriale  e desideri chiarire se esista una correlazione tra la malattia ed eventuali sostanze cancerogene, si metta in contatto con noi, anche per avere informazioni, attraverso la mail  analisi.servola@gmail.com. L' appello è esteso anche ai familiari di chi è deceduto in seguito a gravi patologie». Con queste parole i parlamentari triestini Lorenzo Battista (AUT) e Aris Prodani (AL) rilanciano il loro impegno insieme all’associazione NoSmog Onlus nello stabilire come e quanto la ferriera può aver provocato danni alla salute dei cittadini. I due spiegano: «chiederemo agli interessati di poter vedere le cartelle cliniche ed in particolare di ottenere un campione dell’esame istologico sui tessuti tumorali per verificare la presenza di corpi estranei con possibile relazione alle polveri della ferriera. Le analisi sono possibili anche sui tessuti di persone non più in vita».

«Questo – proseguono i parlamentari – ci consentirà di stabilire con maggiore certezza in quali patologie può incorrere chi è esposto all’inquinamento siderurgico, siano essi lavoratori o cittadini».

Concludono sottolineando che «la reazione di Arpa, Comune e Regione allo studio che abbiamo presentato ci fa comprendere di aver sollevato una questione che viaggiava sottotraccia ed ora è deflagrata in tutta la sua complessità. Ci auguriamo pertanto che non si accettino soluzioni a ribasso,  che non pongano al centro la cittadinanza tutta, o  senza quella lungimiranza che impone di non piegare la testa a ricatti occupazionali».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Malore fatale al Molo G: deceduto uomo di 77 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento