Ferriera, cinque sanzioni e diffide per gli episodi di luglio

Lo ha annunciato l'assessore all'Ambiente Scoccimarro: "Saranno avviati provvedimenti sanzionatori e diffide e verranno valutate anche nuove prescrizioni all'autorizzazione integrata ambientale (Aia)"

"Nell'ultimo anno la Ferriera di Servola è stata soggetta a cinque sanzioni, una diffida e un avvio di procedimento di diffida". Lo rende noto l'assessore a Difesa dell'Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile del Friuli Venezia Giulia, Fabio Scoccimarro, sulla base dei dati di Regione e Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa Fvg), la quale oggi ha pubblicato la relazione dell'ultima visita ispettiva ordinaria, che contiene anche le relazioni sugli ultimi tre episodi recentemente verificatisi nello stabilimento siderurgico". Le cinque sanzioni, pecuniarie e penali, ammontano a circa 20mila euro e vanno ad aggiungersi alle nove precedenti di circa 10 mila. Va specificato che il totale è stato stabilito e delineato dalle norme, che non fanno distinzione tra piccole aziende o colossi.

Scoccimarro ha spiegato che si tratta di un'azione che vuole garantire "la doverosa trasparenza e per dare risposte ai cittadini che, soprattutto a luglio, hanno inviato segnalazioni e richieste di chiarimento in merito alle azioni intraprese dalla Regione nei confronti della Siderurgica Triestina. La linea d'azione della Giunta è cambiata radicalmente rispetto alla precedente Amministrazione: lavoriamo per riconvertire l'area a caldo, dialogando in maniera costruttiva con il cavaliere Giovanni Arvedi per riuscire garantire il livello occupazionale e non danneggiare o azzerare gli investimenti industriali sollecitati dalla passata Giunta regionale, ma parallelamente Regione e Arpa intervengono puntualmente, secondo quanto previsto dalla legge, nel caso di problematiche ambientali che riguardino la Ferriera".

In merito ai tre episodi evidenziati dalla relazione dell'Arpa, l'assessore Fvg evidenzia che "saranno avviati provvedimenti sanzionatori e diffide e verranno valutate anche nuove prescrizioni all'autorizzazione integrata ambientale (Aia)".

Gli episodi di luglio

Per l'incidente del 31 maggio, quando ha preso fuoco il nastro a servizio dell'agglomerato che ha prodotto un'alta colonna di fumo nero, l'azienda ha già provveduto alla sostituzione del sistema in tessuto resistente ai surriscaldamenti con un nastro in metallo che non può incendiarsi.

"Sanzioni - assicura Scoccimarro - deriveranno invece dalle polveri rosse che si sono sollevate l'11 e il 31 luglio, rispettivamente per la gestione irregolare del caricamento dell'altoforno e la non corretta gestione del nuovo filtro a maniche dell'agglomerato. Per la gestione del caricamento del minerale seguirà anche una diffida e una nuova prescrizione Aia, mentre per il secondo episodio la società dovrà predisporre in tempi brevissimi una nuova procedura operativa".

"Dal mio insediamento nel maggio 2018 - spiega ancora l'assessore regionale alla Difesa dell'Ambiente - sono state comminate 5 sanzioni amministrative sulle 14 dal rilascio dell'Aia avvenuto nel 2014 ,una diffida e un avvio di procedimento di diffida, oltre alla nuova prescrizione Aia sulla gestione dei parchi minerali e fossili".

"Per giungere a questi atti - sottolinea Scoccimarro - i dirigenti devono accertare le cause, identificare i responsabili, prescrivere i rimedi e poi appunto sanzionare. Si tratta di un iter complesso e burocratico che stride con la percezione dei cittadini ma che è necessario affinché le azioni intraprese non siano vane o peggio ancora generino, a fronte di possibili ricorsi, un costo per i contribuenti".

L'assessore ricorda quindi che "indipendentemente dalla trattiva per la chiusura dell'area a caldo, la Regione e l'Arpa devono effettuare degli approfondimenti su due aspetti: le fiaccole e le acque di dilavamento".

Le fiaccole, per quanto scenografiche, sono indispensabili per evitare conseguenze negative (infatti entrano in funzione in situazioni di emergenza o quando la centrale elettrica ex Elettra non è in grado di bruciare il surplus di gas prodotto dall'area a caldo) ed è allo studio la predisposizione di una nuova prescrizione che ne limiti l'utilizzo solo in casi straordinari e non per eventi programmati.

Quanto alle acque di dilavamento, non solo quelle meteoriche, è in corso l'iter di valutazione di piena adeguatezza e regolarità della gestione degli scarichi che ne derivano per un'eventuale nuova prescrizione Aia.

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento