Riesumati ad Ossero i corpi dei soldati della X MAS

Grazie agli scavi effettuati in accordo con il governo della Repubblica di Croazia, sono stati riportati alla luce i corpi dei soldati della X MAS uccisi dai partigiani di Tito

foto di Alessandro Vecchi tratta da Wikipedia

Dopo settantaquattro anni, sono stati riportati alla luce dalla fossa comune ad Ossero, i corpi appartenenti ad un manipolo di soldati della Decima MAS. A dare la notizia è la Federazione degli Esuli con un comunicato stampa riportato successivamente da Lavoce.hr.

Realizzata negli ultimi giorni di aprile del 1945, la fossa ha custodito per più di mezzo secolo i corpi dei soldati della Decima fucilati dai partigiani titini. Si tratta di una trentina di scheletri non identificabili, ma che rappresentano, spiega il sodalizio degli esuli, "un successo, seppure amaro, conseguito a decenni di distanza ed ottenuto grazie all’insistenza delle Associazioni che hanno da sempre richiesto di onorare i propri caduti". 

Gli scavi

Gli scavi, effettuati nella seconda settimana di maggio grazie ad una collaborazione tra il governo italiano e quello croato, rappresentano l’attuazione dell’Accordo stipulato sulle sepolture di guerra da una apposita Commissione mista italo-croata e sottoscritto a Zagabria il 6 maggio 2000. La fossa comune è stata localizzata nei pressi del cimitero di Ossero, sull'isola di Lussino. In quel luogo, la FederEsuli aveva già apposto una lapide nel 2008.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • MSC Crociere e Fincantieri svelano la nave più grande mai costruita in Italia

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Schianto tra moto e scooter in via Fabio Severo: tre feriti a Cattinara

  • Trovato senza vita il 58enne triestino scomparso in Istria

  • "Estetique B&B" apre in via San Nicolò, la seconda sfida dei 23enni Kevin e Matteo

  • Incidente sul Ra13: quattro feriti, una persona incastrata nel furgone

Torna su
TriestePrima è in caricamento