Friggitrice piena in un cassonetto, Polli: "Multa fino a 26mila euro"

Così l'assessore all'urbanistica su un fatto accaduto in via del Pucino: "Auspico che con gli elementi a disposizione si possa risalire al colpevole: la pena prevista è da tre mesi ad un anno"

Foto: Luisa Polli (Facebook)

Qualcuno getta la friggitrice piena d'olio nel bottino per l'indifferenziata: un danno non solo ecologico ma anche di costi a carico della collettività. Il fatto, accaduto in via del Pucino, è stato segnalato sui social dall'assessore all'urbanistica Luisa Polli, che ne descrive le conseguenze: "L'olio si è riversato nel bottino e poi sulla strada costringendo ad un lavaggio il contenitore ma anche un particolare lavaggio su un esteso tratto di strada con olio percolato sulle zone verdi circostanti".

Multa fino a 26mila euro

"Questo ha un costo notevole per l'intera comunità - spiega Polli - ed è un danno ambientale trattandosi di smaltimento illecito di rifiuti non pericolosi. Auspico che con gli elementi a disposizione si possa risalire al colpevole : la pena prevista è da tre mesi ad un anno e un'ammenda da 2.600 euro a 26mila euro".

Malta e catrame nei cassonetti: tre sanzioni

Una borsa in regalo al terzo conferimento di rifiuti nei centri di raccolta

Potrebbe interessarti

  • I benefici del latte di mandorla. Gli usi, le proprietà e le controindicazioni

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Manutenzione forno, ecco 4 rimedi eco-friendly per una massima igiene

  • Piante grasse, ecco 5 motivi per cui averle in casa fa bene alla salute

I più letti della settimana

  • Trovato morto il terzo disperso nel crollo della palazzina a Gorizia (FOTO)

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

  • Trieste Trasporti, dal 1 luglio attivi i bus a chiamata

  • I benefici del latte di mandorla. Gli usi, le proprietà e le controindicazioni

  • Rintracciati 40 migranti a Gorizia, SAP: "Bene minaccia sospensione Schengen"

  • A torso nudo con cappello da cowboy molesta le passanti

Torna su
TriestePrima è in caricamento