Riforma sanitaria, FSI-USAE: "Gestione delle emergenze assente"

La Federazione Sindacati Indiendenti USAE commenta il disegno di legge 27 “Assetto istituzionale ed organizzativo del Servizio sanitario regionale”. Il Segretario Generale Bonazzi: "Proposta carente"

Si è svolta oggi l’audizione presso la Terza Commissione del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia  sul disegno di legge n. 27 “Assetto istituzionale ed organizzativo del Servizio sanitario regionale”.

FSI-USAE rilevando che nell’articolato non si parla mai della gestione dell’emergenza sanitaria quasi fosse un servizio, quello dell’ex 118, marginale e quindi esternalizzabile, ha sottolineato anche che mancano del tutto i riferimenti degli ambiti di attività relazionali degli IRCSS con le altre Aziende Sanitarie anche se, anche il “Burlo Garofolo” di Trieste e il “Centro di riferimento oncologico” di Aviano, partecipano alla organizzazione e conduzione delle reti cliniche. Inoltre, nel disegno di legge, l’area territoriale di Gorizia è del tutto svilita se non annientata. 

Nel suo intervento il Segretario Generale, Bonazzi, ha dichiarato: “Siamo concordi sulla necessità di una riforma del sistema che ponga rimedio agli errori precedenti, ma troviamo la proposta carente rispetto agli obiettivi previsti e dichiarati nella parte in cui rinvia l’individuazione e l’organizzazione in centri di costo dei presidi Spoke ( che come gli Hub sono dotati si autonomia organizzativa  gestionale e contabile)  ad un successivo atto aziendale. Ciò anche in considerazione del fatto che nel 2019 ci sarà un anno di commissariamento e che dal 2020  il nuovo Direttore generale avrà i 6 mesi canonici per  formulare il nuovo atto aziendale. Tempi che confliggono con gli obiettivi, ma che condizionano anche i rapporti con il personale e con le OO.SS., dalla contrattazione aziendale nell’anno di commissariamento all’organizzazione delle RSU. Come si intende procedere  con i presidi Spoke sarà quindi determinante per l’intero sistema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento