Furti per oltre 200mila euro da Mediaworld: un arresto e 5 denunce

In manette un magazziniere della società e altre cinque persone denunciate per ricettazione. Evidenziata "abitualità e professionalità nella condotta criminosa"

Dopo la denuncia di un ammanco da 150mila euro nel punto vendita Mediaworld alle torri, al termine di una lunga indagine, i carabinieri di via Hermet hanno arrestato il magazziniere 48enne C.A., e denunciato per ricettazione altre 5 persone. All’alba di sabato 13 ottobre, a conclusione di un’articolata attività di indagine, i militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto pluriaggravato e continuato.

Le indagini

L’attività investigativa, avviata nel mese di marzo 2018, è stata svolta anche con l’utilizzo di intercettazioni telefoniche e videoriprese: alla fine è stato possibile acquisire elementi incontrovertibili a carico del 48enne abruzzese, che aveva dimostrato, secondo l'arma, "abitualità e professionalità nella condotta criminosa". Una volta presi in consegna i prodotti in arrivo al magazzino MediaWorld di Piazzale Legnami, gli stessi sono stati dirottati, a più riprese, in un garage di proprietà dell'arrestato, per poi essere reimmessi nel mercato illegale della ricettazione, con consegne a mano, invii a mezzo corriere o spedizione postale.

L'epilogo

Sabato l’epilogo dell’operazione, con l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere e la contestuale perquisizione, che hanno consentito di invenire un’ingente quantità di refurtiva tra cui tablet, computer e vari elettrodomestici, per circa 30.000 euro di valore. La merce è stata sequestrata e sarà restituita al legittimo proprietario. Le ulteriori perquisizioni, eseguite anche fuori regione, hanno consentito di recuperare numerosi altri prodotti, dei quali si era riscontrato il furto durante le indagini e riconosciuti da MediaWorld come illecitamente asportati. C.A. è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Trieste, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre gli altri soggetti destinatari delle perquisizioni sono stati deferiti in stato di libertà per il reato ricettazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Con la crisi di lavoro che c’e’, e’una vergogna. Pero’ per far su 200.000 euro di merce c’è ne vuole! Mi sembra strano che nessuno se ne fosse accorto prima. E poi parlano di crisi nelle vendite, per forza ,le merci uscivano con le ali sorvolando le casse!!!

  • Come sempre chi dovrebbe controllare evidentemente non l’ha fatto...

  • Un esempiio di redistribuzione della ricchezza nord - sud. Poteva andare peggio, se era ovest - est non recuperavano neanche una matita

  • federalismo subito!

  • Anche stavolta un foresto ... ma se el xe abruzese come mai lavora a Trieste? Pendolare? O forsi el xe de origine abruzese? Mah ... mai un triestin che i ciapassi .. Sti triestini no ga voia de far niente, nianche de rubar ... per fortuna! :-)

    • Quanto deficente sei

  • Bhè ma iera logico che ghè fossi qualchedun all'interno che saveva come e quando moverse

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Consiglio comunale, saltano le discussioni su presidente, TARI e Piano Finanziario

  • Cronaca

    Cambiamenti climatici: Trieste è la migliore del FVG

  • Cronaca

    L'opposizione chiede la piazza per il Pride, la maggioranza tira dritto

  • Cronaca

    Schianto moto - furgone in via Brigata Casale: un ferito (FOTO)

I più letti della settimana

  • Hollywood arriva a Trieste per tre giorni di riprese

  • Rubava dalla cassa: arrestata dipendente del "Pane quotidiano"

  • Schianto in corso Italia, conducente incastrato

  • Scalatore precipita per otto metri in Val Rosandra: è grave

  • Maltrattamenti e violenze sui cani, le testimonianze dei residenti

  • Maxino raduna i triestini intorno al mondo con "Trieste mia"

Torna su
TriestePrima è in caricamento