Furti per oltre 200mila euro da Mediaworld: un arresto e 5 denunce

In manette un magazziniere della società e altre cinque persone denunciate per ricettazione. Evidenziata "abitualità e professionalità nella condotta criminosa"

Dopo la denuncia di un ammanco da 150mila euro nel punto vendita Mediaworld alle torri, al termine di una lunga indagine, i carabinieri di via Hermet hanno arrestato il magazziniere 48enne C.A., e denunciato per ricettazione altre 5 persone. All’alba di sabato 13 ottobre, a conclusione di un’articolata attività di indagine, i militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto pluriaggravato e continuato.

Le indagini

L’attività investigativa, avviata nel mese di marzo 2018, è stata svolta anche con l’utilizzo di intercettazioni telefoniche e videoriprese: alla fine è stato possibile acquisire elementi incontrovertibili a carico del 48enne abruzzese, che aveva dimostrato, secondo l'arma, "abitualità e professionalità nella condotta criminosa". Una volta presi in consegna i prodotti in arrivo al magazzino MediaWorld di Piazzale Legnami, gli stessi sono stati dirottati, a più riprese, in un garage di proprietà dell'arrestato, per poi essere reimmessi nel mercato illegale della ricettazione, con consegne a mano, invii a mezzo corriere o spedizione postale.

L'epilogo

Sabato l’epilogo dell’operazione, con l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere e la contestuale perquisizione, che hanno consentito di invenire un’ingente quantità di refurtiva tra cui tablet, computer e vari elettrodomestici, per circa 30.000 euro di valore. La merce è stata sequestrata e sarà restituita al legittimo proprietario. Le ulteriori perquisizioni, eseguite anche fuori regione, hanno consentito di recuperare numerosi altri prodotti, dei quali si era riscontrato il furto durante le indagini e riconosciuti da MediaWorld come illecitamente asportati. C.A. è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Trieste, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre gli altri soggetti destinatari delle perquisizioni sono stati deferiti in stato di libertà per il reato ricettazione.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento