Furti sul Carso, incrementati i controlli dei Carabinieri: 4 arrestati

Settimana intensa per i militari della Compagnia di Aurisina: tutti i fermati avevano dovevano espiare delle pene detentive per reati dalla rapina agli stupefacenti

Nel mese di aprile, in seguito alla recrudescenza del fenomeno dei furti sul carsico, i Carabinieri della Compagnia di Aurisina hanno incrementato i dispositivi di controllo nelle colline carsiche al fine di garantire maggiore sicurezza nei confronti dei cittadini di quell’area.

In particolare, nelle zone che comprendono le località di Basovizza, Trebiciano, Padriciano e Villa Opicina sono stati attuati dispositivi preventivi finalizzati a verificare la presenza di soggetti connessi con reati di natura predatoria soprattutto nell’arco pomeridiano, quando le abitazioni sono spesso incustodite.

L’intensa attività ha portato all’arresto di 4 cittadini stranieri, ricercati da diverse Autorità Giudiziarie italiane per scontare delle pene detentive. Il 12 aprile è stato tratto in arresto il cittadino albanese N.A., classe 1982, colpito da un ordine di carcerazione della durata di 3 mesi per “Lesioni personali aggravate” commesse in Asti nel marzo 2013. Il 14 aprile è stato tratto in arresto il cittadino romeno M.I.A., classe 1992, sul quale pendeva un ordine di carcerazione della durata di 9 mesi per “Tentata rapina” commessa nella provincia di Milano nel novembre 2015. Il 16 aprile è stato arrestato un altro cittadino romeno C.L.M., classe 1989, colpito da un ordine di carcerazione della durata di 11 mesi per una “Rapina” commessa nel giugno 2008 a Bologna. Infine ieri, 17 aprile, è stato tratto in arresto il cittadino albanese G.L., classe 1980, sul quale pendeva un ordine di carcerazione della durata di 2 anni e 5 mesi per reati in materia di “stupefacenti” commessi nella Provincia di Modena nel ottobre 2006.

Tutti e quattro gli uomini, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti presso il carcere di Trieste, a disposizione delle A.G. mandanti.

L’azione di contrasto ai reati predatori condotta dai Carabinieri di Aurisina continuerà costante in tutto il territorio carsico, al fine di scoraggiare la presenza nella giurisdizione di altri malintenzionati dediti alla commissione di reati e garantire un controllo del territorio puntuale ed attento nelle zone menzionate. Di vitale importanza resta, però, la sempre eccellente collaborazione dei residenti e dei cittadini tutti che, con le loro segnalazioni al numero di emergenza “112”,  possono aiutare l’operato delle Forze dell’Ordine segnalando ogni situazione sospetta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • In carcere 18enne per l'accoltellamento di scala dei Giganti, parte della gang del "Kalashnikov"

  • Topi, muffa e sporcizia in un bar di via Carducci: sequestrati gli alimenti

  • Incidente sulla curva Faccanoni: un ferito

  • Decreto Clima, arriva il bonus rottamazione 2020

  • Giovanni Gargiulo è Mister Trieste 2019

Torna su
TriestePrima è in caricamento