Furti alla chiesa di via Manzoni: arrestato il ladro "seriale"

I Carabinieri, dopo la denuncia del parroco, hanno predisposto dei servizi di controllo cogliendo il malvivente con le "mani" nella cassetta delle offerte

Ieri pomeriggio, mercoledì 12 luglio, i Carabinieri di Rozzol hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino bosniaco di 42 anni, B.I., con precedenti di polizia, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato.

I militari dell’Arma, in seguito alla denuncia di furto sporta dal parroco della chiesa di “Santa Teresa del Bambino Gesù” di via Manzoni, hanno predisposto in zona alcuni servizi di controllo per identificare e bloccare gli autori di numerosi furti di denaro contenuto nelle cassette delle offerte della chiesa, commessi tra il mese di giugno e i primi giorni di luglio. 

Verso le 13 di ieri i Carabinieri, appostati nei pressi della parrocchia, hanno notato lo straniero, già noto alle forze dell’ordine, entrare in chiesa e avvicinarsi ad una cassetta delle offerte. L’uomo, mediante l’utilizzo di un metro avvolgibile e del nastro biadesivo, ha prelevato tutte le banconote contenute dalla cassetta attraverso la fessura. A quel punto è stato subito bloccato e arrestato, mentre la refurtiva è stata recuperata e riconsegnata alla parrocchia.

B.I., ritenuto responsabile di aver commesso altri cinque furti nella chiesa con lo stesso modus operandi, è stato portato in caserma e, dopo le formalità di rito, è stato collocato nelle camere di sicurezza del Comando di via dell’Istria, a disposizione della Procura della Repubblica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento