Furto alla scuola media: assegno solidale del gruppo Nimdvm alla Bergamas

«Volevano privare i ragazzi dal poter lavorare sui computer. Ma la solidarietà di molti ha vanificato l’intento»

La notizia del furto alal scuola media Bergamas ad opera di ignoti che hanno sottratto ben 14 computer e causato danni per migliaia di euro alla struttura ha suscitato sdegno, ma come ormai spesso succede, anche un sentimento solidale. Uno di questi esempi di solidarietà viene dal gruppo NIMDVM, di certo non nuovo a gesti di questo tipo, che ha consegnato un cospicuo assegno al dirigente scolastico della scuola. 

«Task force della mdtm in action. Stamattina ci siamo fatti del bene - scrive il presidente dell'associazione Alberto Kostoris -. L’altro giorno ignoti e vili ladruncoli hanno rubato 14 computer dalla scuola media Bergamas. Volevano privare i ragazzi dal poter lavorare sui computer. Ma la solidarietà di molti ha vanificato l’intento. Anche noi abbiamo voluto contribuire a riacquistare i computer rubati donando 1.000 euro».

«Naturalmente è bene ricordare che ogni nostro intervento è possibile solo grazie alla vostra generosità - sottolinea Kostoris -. A noi resta solo il compito di farne buon uso. Mi piace concludere questo post con una dedica ai ladruncoli che ho letto sulla pagina di uno dei genitori degli studenti: "Non ci avete fatto niente!"».

Potrebbe interessarti

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Ricetta cheesecake ai frutti di bosco, il dolce estivo da provare

I più letti della settimana

  • Trovato senza vita in mare: addio al fotografo Guido Cecere

  • Fuoriesce del materiale radioattivo, tre operai all'ospedale

  • Euro 6, le novità sulle vetture di nuova immatricolazione

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Allerta meteo: in arrivo forti temporali su tutto il FVG

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento