Sfondano a martellate un distributore di cannabis legale

Sono tre in meno di due mesi gli episodi che hanno coinvolto l'attività di Tommaso Cuccinella di via Gallina. Il giovane di 26 anni aveva aperto il punto vendita a fine settembre. Il video delle telecamere avrebbe ripreso i presunti ladri. Il dibattito sull'attività

Tommaso Cucinella è giovane e da un paio di mesi ha aperto una piccola attività in via Gallina che è stata presa di mira dai ladri per tre volte. I fatti risalgono al 18 ottobre, al 7 e al 18 di dicembre e sono riferiti al Weedy Point. Dopo aver presentato tre denunce contro ignoti, il giovane 26enne ha deciso di far emergere la vicenda.

I fatti di ottobre

La mattina del 19 ottobre Tommaso si reca in via Gallina 3 per l’attività di manutenzione che abitualmente effettua sul distributore della ditta “Tret Corp” di cui per l’appunto Cucinella è titolare. “Subito mi accorgevo che il distributore era stato manomesso con violenza”. I ladri avevano asportato la gettoniera contenente l’incasso e il resto dei giorni precedenti. Tommaso chiama immediatamente la Polizia. “Nell’asportazione della gettoniera – si legge nella denuncia datata 19 ottobre – sono stati divelti alcuni cavi collegati a dei dispositivi elettronici per il funzionamento della macchina”.

WhatsApp Image 2018-12-30 at 12.32.56-2

Le telecamere 

Il distributore è videosorvegliato da un impianto di sicurezza che riprende sia la parte esterna che quella interna. “Due individui a volto scoperto indossanti dei guanti da lavoro intorno alle 22.30 di ieri (18 ottobre ndr) utilizzando degli arnesi da scasso forzavano la gettoniera”. I ladri, che dalle immagini si può notare che vestivano giacconi pesanti di colore scuro, un berretto da baseball e un berretto di lana, in questo caso tralasciano i prodotti in vendita.

Il danno provocato dallo scasso in questo primo furto viene quantificato in circa 170 euro mentre per quanto riguarda il danneggiamento della macchina “sarà definito solo dopo l’intervento del tecnico per ripristinarla” conclude la prima denuncia.

Passa poco più di un mese e arriva il secondo tentativo di furto

Poco dopo le 3 di notte dell’8 dicembre due ignoti tentano di rubare nuovamente nel punto vendita di via Gallina. Questa volta viene infranto il vetro del distributore, provocando un danno anche al pannello di plexiglass posizionato sopra il vetro. I ladri indossano un passamontagna e compare nuovamente un individuo che indossa il cappellino da baseball (già presente nelle immagini di videosorveglianza dei fatti del 18 ottobre ndr). Il berretto e la sciarpa li “sistemano bene sul volto prima di entrare, intuendo che fossero già a conoscenza dei luoghi”.

WhatsApp Image 2018-12-30 at 12.36.00 (1)-2

Il distributore preso a martellate

Uno dei due estrae “un martello di grandi dimensioni e manico lungo con cui si adoperano nel tentativo di infrangere il vetro antisfondamento”. Le martellate sono numerose. In questo caso il danno ammonta a circa 600 euro. Dalle immagini sembra che le persone non siano le stesse. “Ho rafforzato il distributore mediante l’apposizione di barre d’acciaio e lucchetti d’acciaio rinforzato per evitarne lo scasso con qualche arnese atto allo scopo”.

WhatsApp Image 2018-12-30 at 12.36.00 (2)-2

Non c’è due senza tre

La terza volta per il punto vendita di cui Tommaso è titolare va decisamente peggio. Viene infatti “infranto il vetro anteriore del distributore sottraendo tutto il contenuto dello stesso, circa una cinquantina di bustine da uno a tre grammi di Canapa Legale, per un valore di circa 1000 euro”.  I ladri questa volta, presumibilmente, hanno utilizzato un classico tubo Innocenti, come dichiara Tommaso nella terza denuncia. Il giorno 20 dicembre Tommaso sta camminando in via Gallina, non lontano dal suo punto vendita. Nota un uomo “con un giubbotto uguale a quello ripreso dalle immagini di sorveglianza, compresa la scritta sul cappuccio”. Questa persona poi “l’ho visto accompagnarsi ad un’altra persona che spesso si riforniva alle mie macchine, di cui non conosco le generalità”.

Il dibattito sui distributori di Cannabis legale

Tommaso è chiaramente stufo di essere preso di mira dai ladri. Tre denunce in poco meno di due mesi sono tante. Sono “semplici” ladruncoli, consumatori abituali oppure vogliono danneggiare l’immagine del punto vendita di Cannabis legale? Il dibattito sui distributori è infatti da qualche tempo sulle pagine dei giornali. La vendita di questa sostanza non è proibita dalla legge e anche in consiglio comunale la politica ne aveva discusso.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

  • Pugni e calci in via Machiavelli: due feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento