Rubata una Fiat Panda a san Luigi, l'appello della proprietaria

Raffaella Laghi ci ha segnalato il furto che sarebbe avvenuto questa notte in via Felluga dove la macchina era posteggiata. "Sono disperata, era un regalo di mio padre". L'appello a condividere e a segnalare ai Carabinieri che hanno ricevuto la denuncia della proprietaria questa mattina

"Ero molto affezionata, era stato un regalo di mio padre". L'appello della nostra lettrice Raffaella Laghi arriva questa mattina in redazione. "Questa notte mi hanno rubato la Panda Verde in via Felluga e ho immediatamente denunciato il furto ai Carabinieri. Sono disperata". 

Il fatto

Presumibilmente alcuni ladri hanno rubato l'automobile di Raffaella questa notte, mentre la macchina, una Panda Jolly, colore verde del 1999, era regolarmente posteggiata in via Felluga nel rione di san Luigi. Al risveglio Raffaella non l'ha trovata al suo posto e ci ha contattato affinché lanciassimo l'appello via web a condividere e a segnalare alle autorità competenti il passaggio o l'individuazione dell'automobile. "Ho sporto denuncia ai Carabinieri questa mattina" ci ha raccontato. 

La notizia, nel caso di segnalazioni e di ulteriori sviluppi, è in aggiornamento. 

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

Torna su
TriestePrima è in caricamento