Ladro sfonda il finestrino di due macchine in via Svevo, rincorso e arrestato alle Torri

Un uomo di origine bulgara di 47 anni senza fissa dimora stato fermato ieri al centro commerciale Torri d'Europa con l'accusa di aver infranto il vetro di due autovetture parcheggiate in via Svevo e dintorni. Alcune persone lo avevano "beccato" a rovistare all'interno di una delle macchine e dopo essere stato rincorso da una donna, il ladro stato arrestato dagli uomini della Polizia di Muggia

Il Centro Commerciale Torri d'Europa (archivio)

Rompe il vetro di una macchina regolarmente posteggiata in via Svevo e vi rovista dentro cercando di rubare quello che trova. Colto sul fatto da alcuni passanti e rincorso da una donna, se la dà a gambe verso il Centro Commerciale Torri d'Europa pensando, presumibilmente, di nascondersi tra la folla. Giunto nei pressi del Centro, viene fermato e arrestato dagli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Muggia. È questa la notizia che riguarda un uomo di origine bulgara del 1971, che si è reso responsabile di due furti nel rione di Chiarbola. 

Spacca il vetro e fugge

La persona era stata vista rovistare all'interno di una automobile posteggiata in via Svevo, vicino all'entrata inferiore del Centro Commerciale Torri d'Europa. La macchina aveva un vetro sfondato, grazie al quale il ladro era riuscito ad aprire la portiera. Una volta dentro alla macchina aveva iniziato a rovistare tentando di rubare quello che c'era all'interno della vettura. 

Alcuni passanti lo vedono e danno l'allarme

Una donna in particolare aveva visto il ladro in azione e, dopo averlo fatto scappare, si era lanciata all'inseguimento del cittadino di origine bulgara. La persona aveva tentato di fuggire dirigendosi verso il Centro Commerciale lì vicino, forse, con l'intento di nascondersi tra le centinaia di persone che affollano le Torri d'Europa specialmente nel fine settimana. 

Aveva con sé la refurtiva

Una volta giunto alle Torri il ladro è stato "braccato" dagli uomini del Commissariato di Muggia che l'hanno fermato e arrestato. Una volta tratto in arresto, gli operatori gli hanno trovato addosso un borsellino contenente un navigatore e alcuni documenti, che si è appurato appartenessero ad un'altra autovettura ed essere stati prelevati poco prima da un'altra macchina, anch'essa con il vetro in frantumi. Dopo le formalità di rito, la persona di origine bulgara senza fissa dimora è stato accompagnato presso la locale Casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • la famosa pista bulgara.

  • idee confuse... mmh.. se parla delle torri,ga la foto de montedoro ma va beh.. però me dove spiegar perche' xe vegnui de muja per ciorlo che el commissariato de via Hermet xe taca..

  • Mi ghe taiasi le man cusi la prossi.a volta non pol più far robe del genere. al massimo poderá romper el finestrin ma non poderá più rubar. Straniero schifoso

  • Povera Trieste. Continuiamo ad importare gentaglia... Resterà solo quella presto

  • Doman?sarà za a casa

  • Altro svedese che vien a delinquer a Trieste....

  • doman el xe a casa.... che tristezza.

  • Una grande donna!eccezionale...meriterebbe una medaglia per il coraggio e il senso civico!complimenti sinceri

  • la donna che lo ga inseguido xe una grande

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rogo in strada di Fiume 16, a fuoco i sotterranei di un palazzo

  • Cronaca

    Tre profughi trovati in un container nel porto

  • Cronaca

    Violenta una 20enne a Verona, era stato minacciato con una katana a Trieste

  • Cronaca

    Il Superenalotto bacia Monfalcone, vinti 90 mila euro

I più letti della settimana

  • Rapina e sparatoria a Opicina, ladri ancora in fuga

  • Guida ubriaco e si schianta contro auto dei Carabinieri

  • Schianto auto-scooter davanti a piazza Unità: 19enne all’ospedale (FOTO)

  • Schianto sulla Costiera: ferito un ciclista

  • Lieve scossa di terremoto sul Carso

  • Camper incendiato nel nuovo parcheggio sopra "Il Giulia" (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento