"Ve bekemo per città", le minacce a chi sostiene l'FVG Pride

Dopo la pubblicazione della notizia che la sfilata conclusiva della manifestazione si terrà a Trieste l'8 giugno prossimo, sulla pagina Facebook sono stati pubblicati diversi commenti dai toni offensivi, violenti, e che in alcuni casi sono sfociati in minacce scritte in privato ad alcuni lettori

È di qualche giorno fa la notizia che il FVG Pride si terrà a Trieste. La data precisa della sfilata conclusiva è stata diramata dagli organizzatori ieri mattina durante la conferenza stampa tenutasi al Caffè San Marco di Trieste. “L’8 giugno sarà solamente il momento finale di una serie di appuntamenti che partiranno prima” hanno riferito gli organizzatori. Fino a qui intendiamoci, niente di strano. Come Trieste Prima abbiamo “coperto” la notizia come moltissime altre testate locali e non.

Dopo averne scritto abbiamo pubblicato il link alla notizia anche sulla nostra pagina Facebook e, tra i moltissimi commenti che i nostri lettori hanno voluto scrivere, alcuni hanno usato toni di condivisione, altri di disappunto e, infine, toni aggressivi che sono sfociati, in privato, anche in minacce mandate attraverso Facebook Messenger. Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di lettori che hanno ricevuto le minacce e abbiamo deciso di pubblicarle, affinché possa restare traccia tangibile di un trend che non fa parte del libero esercizio della critica, né tantomeno di un vivere civile, basato sulle regole elementari del confronto.

"Ve bekemo per città"

Il commento che risalta maggiormente è certamente quello inviato in privato tra due lettori, dai toni minacciosamente volgari. “Stomigosi skifosi ve bekemo ben per città” (la traduzione per chi non conoscesse il triestino è “Stomachevoli, schifosi, vi becchiamo bene lungo le vie della città”).

50784569_2158734734437483_7375267898811482112_n-2

Il commento invece che resta primo in lista è “va bene un giorno sfilano in maschera poi basta ragazzi fate tornare di moda la fika”, post che non ha bisogno di traduzioni. C’è poi chi ritiene la sfilata “oscenità in luogo pubblico” continuano con “gente che gira vestita di lattice, slinguandosi e esibendo ‘cazzi di gomma’ mi urta”. 

50638525_312730609355450_3627120776487895040_n-2

Il post grottesco arriva con “ma se li prendi in giro ti danno con la borsetta sulla testa?” o ancora la fantomatica dittatura dei gay. “[…] deve finire, sarà contestata con ogni mezzo possibile. Lobby gay Arcigay e soprattutto Soros finirà malissimo”. 

50910833_2104097949902106_8450649579979800576_n-2

"Gay malato di mente"

Toni pesanti giungono ancora da numerosi altri commenti. C’è chi posta un operaio che brandisce un lanciafiamme (una gif) e chi poi scrive di una presunta malattia di cui sarebbero affetti i non etero. “Un gay è malato di mente”, “non è stato creato bene” e “allora se un gay pride è normale anche noi etero andiamo in giro per la città a fare sesso e spogliarci nudi”. In questo post finiscono anche i sostenitori della sfilata. “Chi sostiene anche lui è malato di mente e sarà sempre così”. Negli ultimi virgolettati abbiamo corretto il testo perché ignorava le regole elementari della grammatica. 

50454581_301386963895150_3700034190004191232_n-2

Infine, c’è chi asserisce che “i bambini diventeranno (è scritto diventeremo, presumibilmente un errore di battitura) per moda gay se si va avanti così”.

Questi sono solamente alcuni tra i commenti che abbiamo selezionato e che abbiamo voluto pubblicare. Perché il disaccordo nei confronti di una manifestazione deve essere espresso, se ritenuto personalmente giusto, attraverso un registro espressivo rispettoso delle diversità, di persone che hanno il diritto, sancito dalla nostra Costituzione, di vivere il proprio orientamente sessuale in assoluta libertà; la stessa carta costituzionale che garantisce piena libertà di espressione religiosa, politica e culturale, o in ultimo, di partecipare a cortei, manifestazioni e sfilate.

In questo caso, è molto probabile che nessuno dei partecipanti tirerà “la borsetta sulla testa”, né tantomeno sfilerà con l’intento di occupare i palazzi del potere per instaurare “la dittatura dei gay”. Anche perché in quel caso, l’obbligo di sfilare varrebbe per tutti, nessuno escluso.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Che oscenità,li denunciassi tutti per atti osceni in luogo pubblico, e oltraggio al pudore! Se xè stadi creadi Adamo e Eva (uomo e donna) ghè sarà un motivo? Altrimenti se creava due Adami o due Eve per la felicità dell'arcigay

    • Credulone.

  • me fe de rider paiazi

  • L'ignoranza regna sovrana.....

  • Beh te pol andar in Austria

    • eh si...ma qua iera più vizin...!!! :-)

  • Tutti nevrotici solo perchè la polizia ga de poco serado i putanai in slovenia.

    • noooooooooo per bon???? :-(((

  • Complimenti alla redazione per la sua imparzialità!!!! I commenti volgari, offensivi e provocatori del sig. Andrea che imperversano fin dal primo vostro articolo a tal riguardo... sono politicamente ed eticamente corretti vero?!?! Un minimo di coerenza non guasterebbe

    • Ed aggiungo visto il nome che porti, che non poteva essere più perfetto e che ti descrive completamente nella tua totalità, un proverbio famoso " sono i fatti più che le parole quelli che offendono " e voi lo dimostrate ogni giorno con tutto quello che fate e l'odio che seminate. E finisco ricordandoti nuovamente che fino a prova contraria viviamo in uno stato libero ma soprattutto laico

      • Ah sì? Sul serio? Dai su, mi dica cosa "legge" dal nick. Sono molto curioso di sentire le sue "veggenze".

    • Inizia imparando l'italiano, così eviteresti di parlare a vanvera dimostrando un'assoluta ignoranza gretta palese ed evidente, e poi continua imparando l'educazione e il rispetto per ogni individuo diverso da te, come tutti i vari Stefano, Vincenzo, Rolf e Kobra solo per citarne alcuni, di coloro che sono peggio di Hitler e dei suoi seguaci, che sappiamo quanti morti hanno fatto tra quelli che erano diversi da loro, basta recarsi in Risiera a Trieste... e siccome sicuramente siete dei ferventi credenti del motto " dio, patria e famiglia " ricordate quello che ha detto il vostro Dio " Chi è senza peccato scagli la prima pietra " e voi che siete sempre quelli presuntuosi e arroganti convinti di essere innocenti, siete sempre i primi che scagliano la pietra, invece siete la peggiore feccia umana, perché al contrario di voi noi rispettiamo gli altri anche quando la pensano diversamente se però lo fanno in maniera educata e rispettosa della totalità di ogni individuo, cosa che voi non sarete mai capaci di fare, e provare solo a sperare di avere a che fare con voi come persone civili è assolutamente un'utopia perché voi la civiltà non sapete nemmeno cosa sia, proprio per questo noi combatteremo per i nostri diritti e per la giustizia fino al nostro ultimo respiro che a voi piaccia oppure no perché noi abbiamo lo stesso diritto di avere una vita dignitosa e completa da ogni punto di vista come la vostra

      • "Peggio di Jitler e i suoi seguaci" Ma prima de scriver, la pensa? E quindi quel che la scrivi xe quel che la pensa? Se xe cussì no commento oltre, no ga senso.

      • Caro sig. Andrea, non se magari mi indica dove ha incontrato un errore con la lingua italiana magari potrò porvi rimedio la prossima volta.

  • E' logico che esibizioni pornografiche posso dare molto fastidio a qualcuno, ognuno può manifestare quello che vuole ma con civiltà, speriamo che questa sia da ambo le parti!!

    • Esibizioni pornografiche? Quindi per lei, i topolini e Barcola, d'estare sono Sodoma e Gomorra? Per coerenza.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Donna investita tra via Carducci e passo Pecorari (FOTO)

  • Cronaca

    Addio a Don Giuseppe Markuža, parroco di Sgonico

  • Cronaca

    Morde un dito e sputa in faccia alla guardia giurata: denunciato

  • Cronaca

    Danneggia un cippo di pietra e scappa: la Polizia Locale lo rintraccia

I più letti della settimana

  • Scomparso in val Rosandra, ritrovato il corpo senza vita

  • "Pensione lager" per cani: Trieste su Striscia la Notizia

  • Distrutti in porto 2500 ricambi Hyunday e Kia

  • Film Hollywoodiano a Trieste: tutti i provvedimenti di viabilità

  • Esplosione in via San Marco, persona all'ospedale

  • "Voglio assumere ma nessuno è disposto a lavorare", lo sfogo di un'imprenditrice

Torna su
TriestePrima è in caricamento