Sgominato maxi traffico di falsi "Made in italy" da 16 milioni di euro (VIDEO)

L'operazione "Made in" è stata condotta dalla guardia di Finanza di Gorizia. Coinvolte 66 persone e 35 società con sede in diverse province italiane, anche se le lavorazioni venivano effettuate all'estero e i prodotti marchiati con le false diciture

Dopo tre anni di indagini la Guardia di Finanza di Gorizia ha portato alla luce un enorme traffico di prodotti con la falsa dicitura "Made in Italy": si parla di quasi 5 milioni di prodotti per un valore complessivo di 16 milioni di euro. Coinvolte 66 persone, quasi tutte italiane, e sono state segnalate all'Autorità giudiziaria ben 35 società con sede in diverse province tra cui Pordenone, Treviso, Venezia, Vicenza, Verona, Bergamo, Monza Brianza, Milano, Mantova, Torino, Bologna, Firenze, Roma, Ascoli Piceno, Fermo, Cosenza. 

Operazione "Made in"

Le indagini sono state condotte tra il 2016 ed il 2019 nell’ambito dell'operazione “Made in”, che ha visto numerosi controlli ai valichi di confine del Friuli Venezia Giulia. I prodotti recavano il tricolore italiano e false diciture come “Made in Italy”, “Prodotto italiano”, “Italiano al 100%”, “Stile italiano”, “Artigianalità italiana”.

Sottoposti a sequestro probatorio 348.034 prodotti e 217.463 chili di merci, i 66 soggetti sono stati pertanto denunciati alla Procura presso il Tribunale di Gorizia per il reato di falsa indicazione di origine italiana. Questi ultimi erano amministratori delle aziende importatrici dei prodotti fabbricati e illecitamente contrassegnati all’estero.

Sequestrati 2 milioni di prodotti contraffatti nella maxi operazione “China shipping”

I prodotti sequestrati

Diverse sono le categorie di prodotti sequestrate e commercializzate in frode: capi d’abbigliamento (biancheria intima, calzature, giubbotti, camicie, cappotti, grembiuli per la scuola), accessori (borse, sciarpe, ombrelli), articoli elettrici (prese, interruttori, placche, led, lampade), filati (gomitoli di cotone), articoli religiosi (crocifissi), prodotti alimentari (peperoncini), prodotti per animali (pettorine), per l’edilizia (bitumi, materiali idroisolanti), per la casa (bicchieri e piatti in plastica, taglieri in legno, spugne, componenti per mobili, lavelli, pellet, tronchetti in legno, carbonella), per l’agricoltura (fertilizzanti).

Delocalizzazione totale

Gli accertamenti sono stati condotti verificando, in entrata Stato, l’origine delle merci fabbricate totalmente o in parte sia in Stati UE quali la Slovenia, la Romania, la Bulgaria, la Polonia, sia nei Paesi dell’ex Jugoslavia non entrati ancora a far parte dell’Unione Europea (Serbia, Macedonia, Bosnia ed Erzegovina), dove molte imprese italiane, grazie al basso costo della manodopera ed ai vantaggi fiscali, hanno totalmente delocalizzato le fasi produttive lasciando in Italia le sole sedi amministrative e commerciali, ma continuando a riportare fraudolentemente sui prodotti fabbricati all’estero il “MADE IN ITALY”. I mezzi sono stati controllati prevalentemente presso il valico di confine di Gorizia - Sant’Andrea ed i caselli autostradali di Villesse e Monfalcone – Lisert, oltre che negli spazi doganali presso il varco doganale di Gorizia. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Comando_Provinciale_Gorizia_21092019_img_2 (1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

  • Triestina-Vicenza 0 a 3 | Le pagelle: Squadra "sotto processo", al Rocco è pioggia di fischi

Torna su
TriestePrima è in caricamento