Morena: "Erba alta e degrado in Giardino Pubblico", Lodi: "Interverremo"

La situazione nel parco attualmente non è delle più rosee, tra aiuole, erba alta e degrado. La consigliera di Open FVG: "Abbandonato a se stesso". L'assessore ai Lavori Pubblici: "stiamo intervenendo su tutti i giardini della città e arriveremo a brevissimo anche qui"

Degrado, erba alta e aiuole trascurate nel Giardino pubblico. E' quanto denunciato dalla consigliera di Open FVG Sabrina Morena questa mattina, mercoledì 15 maggio in un sopralluogo nel parco alla presenza della stampa. Diverse le zone in cui la vegetazione si è sviluppata oltre misura, a partire dall'entrata di via Marconi fino alle aiuole tra i campi di ping pong e il gazebo che in estate è sede del cinema all'aperto.

La bonifica dell'area inquinata

La zona all'altezza dell'entrata intermedia di via Giulia, ricordiamo, è interessata dal cosiddetto “fitorimedio”, un provvedimento di bonifica dell'area inquinata, che consiste nella piantumazione di specie vegetali in grado di “assorbire” gli agenti inquinanti dal terreno. In questo caso, prima di sfalciare le piante ci sono precise scadenze da rispettare e le piante non devono essere estirpate prima del tempo affinché possano esercitare appieno la loro funzione. Questo non vale per le zone non interessate dall'operazione, come le aiuole tra i campi di ping-pong e il gazebo, quasi immediatamente visibili dall'entrata di largo Tomizza.

Il giardino frequentato da Svevo e Joyce

Ci sono punti in cui l'erbaccia cresce molto alta – sottolinea Morena -, mi spiace per i cittadini e per i turisti: se siamo una città turistica dobbiamo essere all'altezza, anche perché questo è il giardino visitato da Svevo e Joyce, con i busti dei nostri scrittori e scrittrici. Ho chiesto più volte quando sarebbe stato rimesso a posto, mi è sempre stato risposto che la sistemazione era in previsione, ma dopo molti mesi ancora non si è visto nulla”.

L'esponente di Open FVG precisa comunque che “la manutenzione straordinaria è sempre stata fatta puntualmente ma la mia critica va alla manutenzione ordinaria perché a parte lo stagno pulito e la vegetazione circostante sembra che lo sfalcio e la potatura lascino molto a desiderare. Avanzerò una mozione in Consiglio, visto che l'estate è alle porte e il flusso di turisti è destinato ad aumentare”.

"Non è lasciato a se stesso", la replica della Lodi

Così replica l'assessore ai Lavori Pubblici Elisa Lodi: “Abbiamo avuto giornate di forte pioggia e variazioni di temperatura, in più occasioni abbiamo dovuto rimandare la programmata manutenzione per maltempo e l'erba è cresciuta dappertutto. Ora stiamo intervenendo su tutti i giardini della città e arriveremo a brevissimo anche nel Giardino Pubblico, che non è lasciato a se stesso perché un paio di mesi fa abbiamo fatto l'intervento di pulizia del laghetto con Acegas e l'ENPA, che si è fatta carico dei pesci e delle tartarughe. In quella circostanza è stata fatta una pulizia anche dalle alberature delle siepi intorno al laghetto stesso, che è rimasto chiuso un paio di giorni”.

Per quanto riguarda il fitorimedio – continua Lodi -, dopo l'estate continueremo con la piantumazione nella zona di giardino che dev'essere ancora trattata (quella più in prossimità dell'entrata di via Marconi, ndr), perché l'appalto è stato diviso in due. E' importante rispettare le tempistiche perché deve essere effettuato il monitoraggio, dopo gli sfalci bisogna verificare se le piante hanno funzionato”.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Morta la bimba di 4 anni rimasta in auto sotto il sole rovente a Rovigno

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

Torna su
TriestePrima è in caricamento