L'ICGEB elegge il nuovo direttore e porta in città il gotha della ricerca sui tumori

Mauro Giacca lascia domani ufficialmente la carica di direttore del prestigioso istituto di ricerca internazionale che ha la sua sede nel capoluogo regionale. Domani inizia la due giorni in cui si riunisce il Consiglio dei Governatori. Il ricercatore triestino atteso a Londra

Immagine archivio

Il direttore dell’ICGEB Mauro Giacca si congeda dalla sua Trieste e lo fa annunciando un convegno del gotha mondiale della ricerca sui tumori che si terrà presso la stazione Marittima quest’estate. Durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina al caffè degli Specchi di piazza Unità, Giacca ha illustrato le prossime tappe dell’istituto internazionale di ricerca. “Domani 21 maggio ci sarà l’elezione del mio successore. In pole position ci sono Alessandro Vindigni, attualmente professore all’Università di Saint Louis negli Stati Uniti e Lawrence Banks, direttore scientifico proprio dell’ICGEB” ha spiegato il ricercatore triestino.

Da Trieste a Londra

Giacca lascia la sede di Trieste per approdare al prestigioso King’s College di Londra dove andrà a guidare un gruppo di ricerca sullo sviluppo di nuove terapie per l’infarto e lo scompenso cardiaco. “Terrò comunque il mio gruppo di ricerca qui a Trieste e spero che il rettore possa lasciarmi l’attività di insegnamento di biologia molecolare all’università triestina” ha affermato il direttore dell’importante istituto.   

“Alcune ragioni sulla mia partenza risiedono nel fatto che a Trieste non c’è un ufficio brevetti dove poter depositare i nostri lavori. Quando dobbiamo farlo andiamo o a Milano o a Londra. Un altro motivo è quello che qui il trasferimento tecnologico verso le aziende del territorio non si verifica e tutta la ricerca e l’innovazione che produciamo va in altre direzioni”.

La richiesta di aumento del canone di affitto

Giacca ha anche affermato che “è in atto una richiesta di circa 300 mila euro di aumento del canone di affitto che paghiamo e che attualmente è di circa 900 mila euro, una cifra sproporzionata”. Secondo Giacca, se il tanto atteso trasferimento tecnologico e gli sviluppi della sede di Trieste non dovessero avvenire in tempi relativamente brevi, la sede mondiale dell’ICGEB – oggi per l’appunto nella nostra città – potrebbe venire spostata in altri paesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il prestigioso appuntamento di domani e mercoledì

Nel frattempo, domani 21 e mercoledì 22 maggio si riunirà presso la sede del MIB di Trieste il Consiglio dei Governatori dell’istituto di ricerca. Sono attesi circa 100 delegati da più di 60 paesi del mondo. Gli ospiti illustri saranno Victor Smirnov della Federazione Russa, il direttore centrale per l’innovaizone e ricerca del Ministero degli Esteri Fabrizio Nicoletti, sir Richard Roberts, premio Nobel per la medicina e Alessia Rosolen, assessore al Lavoro della Giunta Fedriga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento