Immigrazione, accordo tra Regione e Comuni del territorio

Per far fronte al continuo arrivo di profughi e richiedenti asilo, la Regione ha stipulato un accordo con l'Anci per attuare il progetto di diffondere l'accoglienza diffusa. Tra le caratteristiche più importanti un maggiore controllo sui numeri di richiedenti "assegnati" ai singoli comuni

Regione Friuli Venezia Giulia e Anci (Associazione nazionale Comuni d'Italia) FVG "si alleano" per sviluppare un costruttivo rapporto con i primi cittadini dei Comuni della regione nell'intento di diffondere l'esperienza della cosiddetta "accoglienza diffusa" per i richiedenti asilo che, soprattutto dall'Austria e dall'Est Europa, giungono "alla spicciolata" sul nostro territorio.

Ne hanno parlato oggi a Udine la presidente Debora Serracchiani e l'assessore Gianni Torrenti con il presidente e il direttore dell'Anci, Mario Pezzetta e Alessandro Fabbro, che hanno condiviso l'esigenza di un "fronte comune" per affrontare questa crescente criticità.

Incrementare il modello dell'accoglienza diffusa dei richiedenti asilo nei diversi comuni della regione, grazie alla collaborazione tra Amministrazione del Friuli Venezia Giulia e Municipi, consente infatti di superare la possibilità che ad un singolo Comune vengano di fatto imposti sul proprio territorio "numeri" maggiori rispetto alla tenuta sociale di un'area.

Meglio, dunque, è stato valutato oggi, l'accoglimento e la presenza di piccoli gruppi in più comuni, superando il rischio (reale, è stato confermato) di essere bypassati e di doversi trovare a gestire un "impatto" ben superiore.

Il sistema dell'accoglienza diffusa disegnato in Friuli Venezia Giulia prevede, accanto quindi a piccole presenze di richiedenti asili in un numero piuttosto significativo di Comuni, la creazione anche di almeno un centro di smistamento di queste persone in ognuna delle quattro province, nei quali le forze dell'Ordine ed il sistema sanitario possano operare per gestire i necessari controlli di sicurezza e compiere le prime indispensabili valutazioni di carattere sanitario.

In questo percorso di accompagnamento sul territorio, è stato inoltre indicato nell'odierna riunione di Udine, non certo trascurabile è poi l'avvio di progetti che permettano ai richiedenti asilo di lavorare gratuitamente a servizio della collettività locale, con l'effettuazione di piccole attività di manutenzione che - è stato ribadito - non vanno a togliere alcun tipo di lavoro ai residenti. Insomma, come ha chiarito Serracchiani a Pezzetta, con l'accoglienza diffusa si va verso una responsabilizzazione collettiva del nostro territorio ed il Comune diventa "protagonista" di positiva integrazione.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Cade sulla Napoleonica: ferita dopo un volo di 20 metri

  • Auto contro linea 11 in via Foscolo: sei feriti nell'autobus (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento