Immigrazione, Don Amodeo (Caritas):«Va ridotto il numero dei migranti ospitati nel nostro territorio»

Previste ondate di migranti: «Potrebbe scattare l'emergenza»

«Va ridotta la presenza dei migranti ospitati a Trieste». È questo l'allarme, riportato dal servizio di Telequattro, che lancia don Amodeo, direttore della Caritas, e specifica: «Non è un'emergenza attuale ma potrebbe diventarlo se si ignora il problema».

Un fatto necessario dettato dall'emergenza dei nuovi arrivi di persone che da molto tempo sono in cammino sfuggendo da situazioni di disagio e che potrebbero creare grossi problemi. Don Amodeo definisce il nostro territorio come «via di fuga verso l'Austria e la Germania»; e ripete: «Controllando le presenze evitiamo di incorrere in situazioni indesiderate».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Davanti all'evidenza anche i mone verzi i oci !

  • Avatar anonimo di Carlo
    Carlo

    Ma va,chi l'avrebbe mai detto.Se lo dice la caritas ,che ci ha guadagnato sopra l'accoglienza,vuol dire che siamo proprio messi male.Ma per i nostri politici tutto va bene

  • Quindi?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mega yacht al Molo Pescheria: Trieste si conferma punto di riferimento (FOTO)

  • Cronaca

    Nasconde cocaina in un accendino e la offre a un poliziotto: arrestato

  • Cronaca

    "Pedocin": stop alle sdraio lasciate sotto il porticato

  • Eventi

    Electric Run in “corto circuito”, Polidori: «Valuteremo sanzioni»

I più letti della settimana

  • Incidente in via Flavia: anziana in ospedale

  • Auto impazzita punta verso la piazza all'Electric Run: conducente scortato via in stato confusionale

  • Incidente auto-moto-camper a Sistiana: motociclista in codice rosso all'ospedale

  • Incidente mortale in A4: deceduto l'autista di un furgone. Traffico in tilt

  • Electric Run in “corto circuito”, Polidori: «Valuteremo sanzioni»

  • Tentano di rubare cellulari da Mediaworld e picchiano gli addetti alla sicurezza: arrestati per rapina

Torna su
TriestePrima è in caricamento