Inaugurata "Nuvola Olga", «un "sogno" a misura di bambino» (FOTO e VIDEO)

Dipiazza: «Un modello esemplare che vogliamo attuare anche in altre scuole cittadine»

«Oggi festeggiamo la conclusione di un progetto eccellente, già ideato nel 2006, che ha portato alla realizzazione di una scuola meravigliosa, un modello esemplare che vogliamo attuare anche in altre scuole cittadine nei prossimi anni. Stiamo già pensando di realizzare un asilo nido per 60 posti, un'ulteriore importante realtà per il rione». Così oggi, lunedì 9 gennaio, il sindaco Roberto Dipiazza al taglio del nastro della scuola dell'Infanzia “Nuvola Olga-Oblak Niko” di San Giovanni, al termine dei lavori di ristrutturazione. Con lui all'inaugurazione, oltre ai numerosi bambini e genitori, erano presenti il vicesindaco Pierpaolo Roberti con gli assessori ai Lavori Pubblici Elisa Lodi e ovviamete quella all'Educazione Angela Brandi, oltre alla coordinatrice pedagogica Tiziana Craievich, lo staff dell direzione lavori del Comune di Trieste: Luigi Stocchi, Nerio Musizza, Giorgio Smrekar, Franco Cossutta.Il sindaco ha poi fatto da "Cicerone" illustrando la struttura a stampa e genitori, molto divertito dai "mini water" e sedie. 

La scuola, situata nell'ambito dell'ex caserma Chiarle e che si sviluppa tra le vie delle Docce e alle Cave, necessitava di un'ampia ristrutturazione in base a un complesso progetto, per soddisfare l'esigenza di posti nelle scuole materne del rione di San Giovanni richiedeva e per implementare le sezioni disponibili. Vi sono ospitate 3 sezioni: A, B e C, denominate rispettivamente “azzurra, gialla e verde”, due italiane e una slovena, da 25 bambini ciascuna.

«Oggi si concretizza un "sogno" a misura di bambino, una scuola multifunzionale, una realtà importante dove si seguono dei percorsi educativi e formativi all'insegna dei valori civili che sono la base "portante" per i successivi anni scolastici dei bimbi e per il loro futuro nella società», ha detto l'assessore all'Educazione Brandi. «Questa è una struttura completamente innovativa, dove sono state adottate soluzioni ottimali affinchè i bimbi siano accolti e vivano la quotidianità con il massimo confort e siano a proprio agio nell'ambito della didattica», ha aggiunto l'assessore ai Lavori Pubblici Lodi.

«È un grande regalo per il territorio e in particolar modo per i bambini, di cui numerosi sono figli di ex-allievi proprio di questa scuola, pertanto fortemente sentita e "vissuta" da gran parte degli abitanti del rione», ha sottolineato la coordinatrice Craievich.

Rispetto alle iniziali previsioni di portare a sei le sezioni di scuola dell’infanzia, essendo cambiate le esigenze dell’attuale bacino di utenza, è stata prevista la realizzazione di un nuovo asilo nido, per una ricettività di 60 posti complessivi,suddivisi in sezioni distinte per fasce di età nelle quali sia consentita l’organizzazione di piccoligruppi educativi per favorire l’interazione tra bambini di diverse età e abilità. Il progetto sin qui attuato, ha previsto l’edificazione del corpo servizi distribuiti su due piani fuori terra, con l’ubicazione degli spazi di primo accoglimento e di spogliatoio utenti e gli spazi spogliatoi. Al piano superiore è ubicata la cucina e la mensa, con i relativi spazi accessori. Il padiglione monopiano ospitante tre sezioni della scuola materna, è connesso al corpo servizi tramite un percorso realizzato da chiusura verticali di vetrate, riscaldato e climatizzato, ed è strutturato in tre aule per attività ordinate, qualitativamente e quantitativamente conforme alle prescrizioni sull’Edilizia Scolastica.

Le strutture sono progettate secondo un criterio di elevato risparmio energetico con adeguati spessori isolanti, onde evitare la formazione di muffe e condense. Il solaio al pianoterra è realizzato con cupolotti in PVC tipo igloo con sottostante camera d’aria ventilata, a protezione di eventuale formazione di gas radon. Le murature di tamponamento sono realizzate con blocchi di laterizio, opportunamente coibentate tramite un cappotto esterno. Mentre le coperture sono realizzate in travi di legno lamellare con soprastante pacchetto coibente e impermeabilizzante. Anche l’impiantistica è stata progettata e realizzata per assicurare il massimo benessere e confort abitativo agli utenti. Inoltre sono state impiegate energie rinnovabili quali fotovoltaico e solare termico, in modo da limitare le immissioni nell'atmosfera di sostanze inquinanti e/o climalteranti, quali ad esempio la CO2.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Fasi esecutive

I lavori relativi alle demolizioni dei fabbricati esistenti sono iniziati nel settembre 2012.

I lavori relativi alla costruzione effettiva del fabbricato sono iniziati nel maggio 2013.

L’attività didattica inizia in data 9/01/2017.

Resta da completare, in parte, la sistemazione esterna.

Affidamenti

La spesa complessiva dei lavori appaltati e l’affidamento alle Ditte esecutrici è così suddivisa:

- demolizioni euro 125.000,00 Ditta Mari & Mazzaroli

- opere ed attività propedeutiche

alla progettazione euro 180.000,00 Ditta Mari & Mazzaroli

- 1° lotto euro 867.892,00 Ditta Iniziative Edili Bizeta

- 2° lotto euro 829.240,00 Ditta Iniziative Edili Bizeta

- 3° lotto euro 413.723,00 Ditta Iniziative Edili Bizeta

Con Determina Dirigenziale 636/2016 è stato approvato il 3° lotto, progettato per il

completamento della sistemazione esterna, la fornitura in opera delle apparecchiature da cucina e

degli arredi, attualmente in corso. E’ prevista inoltre una spesa di euro 103.700,00 per l’acquisto degli arredi scolastici.

Finanziamenti

EURO 2.000.000,00 FINANZIATI TRAMITE MUTUO C.D.D.P.P. ASSISTITO PER QUOTA PARTE DA

CONTRIBUTO REGIONALE

·  Del. giunt. n. 86 dd. 8/03/2010 approvazione del progetto preliminare generale

·  Del. giunt. n. 87 dd. 8/03/2010 approvazione del progetto definitivo del I lotto, spesa complessiva euro

2.000.000,00 finanziati tramite mutuo C.D.D.P.P. assistito per quota parte da contributo regionale

·  Del. giunt. 6 del 17/01/2011 approvazione del 1° stralcio per attività propedeutiche del progetto esecutivo

per euro 180.000,00 ed il Q.E. prevedente la spesa complessiva di euro 2.000.000,00

·  Del. cons. n. 37 del 3 luglio 2012 approvazione dello Studio Preliminare e Planivolumetrico

·  Det. dir. 636 del 23/03/2015 approvazione progetto esecutivo del 2° stralcio per lavori euro 995.000,00 ed

il Q.E. prevedente la spesa complessiva di euro 2.000.000,00

·  Con Det. Dir. n. 1099 dd. 15/04/2016 approvazione del progetto esecutivo delle opere di completamento,

prevedente la spesa per lavori di euro 497.000,00 ed il quadro economico prevedente la spesa

complessiva di euro 2.000.000,00

EURO 1.200.000,00 FINANZIATI PER EURO 1.020.000,00 CON CONTRIBUTO REGIONALE

(ASTER) E PER EURO 180.000,00 CON FONDI COMUNALI

·  Del. giunt. n. 277 dd. 21.062012 approvazione progetto II lotto spesa complessiva euro 1.200.000,00

finanziata per euro 1.020.000,00 con contributo regionale (ASTER) e per euro 180.000,00 con fondi

comunali

·  Del. giunt. n. 277 dd. 21/06/2012 approvazione del 1° stralcio Q.E. euro 125.000,00

·  Del. giunt. n. 606 dd. 10/12/2012 approvazione del 2° stralcio per Q.E. euro 1.075.000,00

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento