Incendio a Gretta: l'ombra del dolo. I residenti: «È il terzo, vogliamo andare via» (FOTO-VIDEO)

Sul posto i Vigili del fuoco con tre squadre e la Polizia: i residenti puntano il dito contro un gruppo di "ubriaconi" che hanno già incendiato un appartamento e il garage

foto di Emanuele Esposito

Due auto completamente distrutte, altri veicoli danneggiati, alberi e cavi elettrici bruciati, un quartiere affumicato. Per fortuna non figurano feriti o peggio nel bilancio dell'incendio avvenuto questo pomeriggio, intorno alle 14.25 del 2 giugno, nel rione di Gretta, in un parcheggio privato di via Gorizia

Le fiamme sono divampate da un'auto parcheggiata, una Fiat Ulisse che, stando alle prime indiscrezioni, sarebbe ferma da diverso tempo e intestata a un residente del civico 11 della via. L'auto è stata completamente distrutta dalle fiamme che hanno avvolto poi anche l'Opel Astra a fianco e una Suzuki Alto al di là della rete, su uno stallo per disabili; altri veicoli e soprattutto albero e cavi elettrici sono stati danneggiati più lievemente. Pronto l'intervento dei Vigili del Fuoco con tre squadre e altrettante autopompe: molto fumo nero e alcuni boati (dovuti all'esplosione delle gomme dei veicoli) ha avvolto la zona e la puzza di bruciato si è sentita anche a Roiano. 

Una volta spente le fiamme sono cominciate le operazioni di indagine da perte dei pompieri, per capire cosa abbia scatenato l'incendio, ma anche della Polizia che ha raccolto diverse testimonianze dei residenti. Una signora ha affermato di essere «disperata, vogliamo andare via da qua. Ogni giorno è un via vai di ubriaconi, dormono e fanno i bisogni nel garage che hanno bruciato l'anno scorso; ma non solo, qualche anno fa, a causa di una sigaretta accesa e lasciata sul materasso, ha preso fuoco anche un appartamento. Più volte sono venuti i Carabinieri e sembra che uno di loro sia anche in carcere».

Insomma si fa strada la possibilità che l'incendio sia doloso, anche se a decretarlo con certezza saranno i Vigili del fuoco e la Polizia scientifica dopo l'esame delle auto e una volta scoperto cosa abbia scatenato le fiamme. 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento