Qualità dell'aria in FVG: in calo le polveri sottili, ma cresce l'ozono

E' quanto emerge dalla relazione sulla qualità dell'aria in regione predisposta dall'Arpa Fvg. Scoccimarro annuncia gli Stati generali dell’ambiente in programma il prossimo anno

La qualità dell'aria in Fvg nel 2018 è stata complessivamente buona e mediamente rispettosa dei limiti di legge, con un miglioramento per le polveri sottili rispetto al 2017, in parte dovuto alle condizioni meteorologiche favorevoli alla dispersione degli inquinanti. E' quanto emerge dalla relazione sulla qualità dell'aria in regione predisposta dall'Arpa Fvg e presentata oggi dall'assessore regionale alla difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, con il direttore generale dell'Arpa, Stellio Vatta, e il responsabile di struttura SOS Qualità dell'Aria Fulvio Stel

Le polveri sottili

Tra i macroinquinanti l'attenzione si concentra in particolare sul materiale particolato e l'ozono. Le concentrazioni medie annue di Pm10 sono risultate ovunque inferiori al massimo consentito e per le Pm2.5 sono risultate anche inferiori al limite che entrerà in vigore nel 2020. Solo nelle fasce di territorio in prossimità del confine con il Veneto, in particolare nel Pordenonese, il numero di giorni con concentrazioni di polveri sottili sopra soglia è andato oltre al limite di 35 giorni.

L'ozono

Risulta invece più difficile da contrastare il fenomeno della presenza dell'ozono, che si forma direttamente in atmosfera e i cui valori sono stati elevati su quasi tutto il territorio regionale e leggermente superiori al 2017 a causa di un maggior apporto di radiazione solare nel periodo estivo. Il numero di superamenti giornalieri del valore limite è stato quasi ovunque superiore alla soglia.

Il benzo pirene

Tra i microinquinanti, invece, i livelli di benzo(a)pirene, prodotto di combustioni non particolarmente efficienti, sono stati ovunque inferiori al limite di legge ma le concentrazioni riscontrate suggeriscono di prestare attenzione

Le iniziative

L'assessore regionale alla Difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro ha annunciato gli Stati generali dell’ambiente, in programma nei primi mesi del prossimo anno, durante i quali saranno coinvolti i Paesi contermini e le Regioni adriatiche, con l’obiettivo di individuare e costruire una strategia comune per la tutela di tutti gli elementi che compongono l’ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento