Furgone inseguito dai Carabinieri si schianta in un frontale tra Col e Opicina

Secondo le prime indiscrezioni all'interno del mezzo si trovavano dodici migranti. Alcuni di loro sarebbero fuggiti dopo l'incidente. In conseguenza dello schianto si è alzato in volo l'elisoccorso. Sul posto i Carabinieri, tre ambulanze e l'automedica

Foto Balbi (Primorski Dnevnik)

Da prime indiscrezioni un passeur che stava guidando un furgone con a bordo dodici migranti, si sarebbe schiantato tra Col e Opicina dopo essere stato inseguito da alcune volanti dell'Arma dei Carabinieri del reparto di Aurisina. Il mezzo avrebbe centrato frontalmente una macchina, una Skoda Octavia targata Lubiana che, probabilmente, transitava nel senso opposto. A bordo del furgone anche un secondo passeur. Entrambi sono stati tratti in arresto dai militari dell'Arma. 

In conseguenza dello schianto si è alzato in volo l'elisoccorso. Sempre da prime indiscrezioni ci sarebbero 18 feriti. Sul posto tre ambulanze di cui una da Monfalcone e un'automedica. Nessun ferito tra i militari dell'Arma. Alla guida dell'automobile targata Lubiana stavano viaggiando tre donne che sono rimaste ferite. Tre persone coinvolte nello schianto sarebbero gravi, ma tutto ancora da confermare. 

La notizia è in aggiornamento. 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

  • Arredamento, le tendenze più in voga del 2019

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Annegato a Barcola, il cuore del ragazzo batte ancora

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento